Home » Stalking » Recent Articles:

Denunciato per aver tagliato i capelli ad alcune donne nel bus

marzo 15, 2013 Stalking Nessun Commento

La prudenza non è mai abbastanza. Luoghi pubblici, bar, strade sono spesso teatri di scene di aggressione e violenza da parte di perfetti sconosciuti.

A Bologna qualche giorno fa è stato fermato un 40enne barese con l’accusa di aver tagliato i capelli a numerose donne. Come è chiaro capire, l’uomo non è un parrucchiere, anzi per esser più precisi è impiegato nel settore metalmeccanico. E come si spiega allora la vicenda? Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’uomo aveva una vera e propria mania, quella di tagliare i capelli a giovani donne. Un desiderio irrefrenabile che gli ha portato guai con la giustizia.

L’uomo ha insospettito i poliziotti perché è stato visto salire e scendere numerose volte dagli autobus, perquisito, è stato trovato in possesso di tre paia di forbici da parrucchiere e due ciocche di capelli femminili gelosamente custodite nella tasca interna del giubbotto. Portato in Questura, il maniaco ha ammesso di averle tagliate a giovani donne a bordo dei mezzi pubblici. Non è escluso che il feticista, che vive e lavora nel barese, si sia recato fino a Bologna in occasione della fiera della cosmesi e della bellezza, certo di trovare molte “vittime” alle quali tagliare i capelli. Tra le denunce c’è stata infatti una da parte di una visitatrice del Cosmoprof che si è rivolta al posto di polizia della fiera, per denunciare che qualcuno le aveva tagliato una ciocca di capelli. L’uomo è stato denunciato per violenza privata e porto illegale di forbici.

Un episodio quasi ridicolo, che può anche strappare un sorriso. Non si può dire la stessa cosa per le numerose violenze consumate per le strade ad opera di perfetti sconosciuti. Numerosissime donne, ma anche uomini, hanno pensato alla propria sicurezza e portano sempre con sé degli spray anti aggressione. Uno dei più affidabili è X spray, il prodotto anti aggressione di Endoacustica che consente di bloccare momentaneamente la visuale dell’aggressore grazie alla sua consistenza schiumosa di colore blu. Ovviamente Endoacustica ha pensato anche all’eventualità in cui l’aggressore si dia alla fuga. In questo caso, una volta rimossa la schiuma dal viso, il colore blu rimarrà sulla pelle per circa tre giorni e questo faciliterà l’identificazione del soggetto. X spray non è nocivo e costituisce un semplice accorgimento che potrebbe rivelarsi importantissimo.

Dieci anni di stalking da parte dell’ex amante

febbraio 14, 2013 Stalking Nessun Commento

Sono finiti in tribunale una modenese di 49 anni, single e con un figlio, un distinto dirigente bancario, ora in pensione e sua moglie, al corrente della relazione clandestina intercorsa tra i due.
Episodi di stalking durati ben dieci anni, dal 2002 al 2012 e scaturiti da una relazione di natura esclusivamente sessuale. Dapprima sono arrivate continue e persistenti richieste economiche da parte della donna, poi le sceneggiate pubbliche per imbarazzare il banchiere. Il ricatto, quello di rivelare tutto alla moglie. Dal 2009 episodi ancora più aberranti: centinaia di sms, bigliettini lasciati nella cassetta postale o attaccati alla porta di casa, telefonate al numero fisso, messaggi attraverso terze persone.

Per disperazione l’uomo ha cambiato casa, ma non ha risolto il problema. La modenese è tornata all’attacco rubandogli la posta, intestandogli contratti di ogni sorta, rendendo palese la questione anche alla moglie. Ed ha addirittura prenotato sotto falso nome una camera nello stesso albergo dove la coppia passava le vacanze estive, pretendendo anche il pagamento del suo soggiorno.

L’uomo ha dapprima presentato una denuncia per ricatto a cui ha fatto seguito una controdenuncia della donna archiviata perché ritenuta insussistente. Il prefetto, su richiesta della vittima, ha obbligato la stalker a non avvicinarsi al dirigente bancario. Ma senza successo. L’anno scorso un’altra denuncia con nuovi particolari.
L’uomo parla di una donna che si sente tradita dall’abbandono, che pretende ciò che le era stato promesso e chiede continuamente denaro. Una donna che persino i familiari tengono a distanza e che vive di espedienti dietro una facciata rispettabile.
La persecuzione è terminata pochi mesi fa, quando lei gli ha fatto sapere di avere problemi di salute. Non è stata di certo la legge finora a fermarla come sempre ancorata alla mancanza di prove che attestino la sussistenza dello stalking. Casi simili hanno avuto anche epiloghi peggiori, altri hanno fatto ricorso a microspie e microcamere, collezionando valide prove per inchiodare i colpevoli.

Stalking da condominio, scatta l’allontanamento da casa

dicembre 28, 2012 Stalking Nessun Commento

Litigi e contrasti tra inquilini sono davvero molto frequenti. Volume della tv troppo alto, rumori ad ogni ora del giorno e della notte, dispetti, minacce.

Come da copione sono cominciati i disguidi in un condominio nella periferia di Milano: urla in casa e nella scalinata comune, rumori molesti, apparecchi ad alto volume. Protagonisti delle scenate una 40enne ed il suo ex convivente. La famiglia dirimpettaia ha chiesto più volte un po’di quiete e tranquillità, ma in tutta risposta ha ricevuto offese ed insulti. Ma non è tutto. Durante un’assemblea condominiale è stata esposta la vicenda ed il vicino è stato preso per il collo e bloccato contro il muro mentre gli veniva urlato a gran voce «voi del quinto piano siete morti, se vi incontro sulle scale vi ammazzo, ho la pistola io». A questo episodio che sa di film americano, hanno fatto seguito urla a squarciagola, bigliettini appesi alla bacheca condominiale con croci disegnate accanto al nome dei vicini, scritte minacciose e addirittura sms intimidatori sul cellulare.

Insomma la questione si è ben presto tramutata da semplice fastidio a vera e propria paura per la propria incolumità e per quella dei propri cari, finendo dallo psicologo che gli ha prescritto un farmaco per gli stati di ansia e gli attacchi di panico.A questo punto l’avvocato di famiglia ha ben deciso di inquadrare la vicenda nel range dello stalking e il pm, facendo ricorso ad un’interpretazione estensiva della legge sui maltrattamenti in famiglia, ha disposto l’ordine di allontanamento da casa per la vicina rissosa.
Questa misura cautelare può essere estesa a numerosissimi casi. Ciò che spesso pone un ostacolo all’attuazione è la mancanza di prove che testimonino atti persecutori e minacce. In molti casi sono state utilizzare delle microspie dalle forze dell’ordine, ma anche da persone che vogliono contribuire ad inchiodare i colpevoli. Con queste piccole telecamere occultabili pressoché ovunque è possibile registrare video e audio, potendo così metter fine alle proprie sofferenze.

Quando l’alunno si trasforma in stalker

dicembre 3, 2012 Stalking Nessun Commento

Una professoressa giovane, bella e simpatica sicuramente farà breccia nel cuore di molti alunni. Oltre ad incrementare la volontà di studio e di attenzione alle lezioni, correrà il rischio di far innamorare qualche giovanotto. E’ questo quello che è accaduto ad una aitante professoressa di Martano.

Un allievo ha perso la testa per lei e le ha riservato attenzioni non proprio del tutto innocue. Infatti ben presto il 28enne si è trasformato in un vero e proprio stalker ai danni della professoressa di inglese quasi coetanea. A furia di frequentare le lezioni private è cresciuta l’ammirazione per la dolce docente trasformandosi in una ossessione. Per manifestarle interesse, dunque, il giovane ha donato diversi regali per le feste, doni sempre accettati. Da qui si è passati all’invito ad uscire, ma il rifiuto della prof perché fidanzata non è stato gradito. Sono scattate azioni di convincimento alquanto morbose: appostamenti, pedinamenti, ovunque lei andasse trovava l’alunno. Arrivando addirittura a frequentare il maneggio dove era solita recarsi la donna. A questi episodi si sono aggiunte le minacce rivolte a lei e a suo fratello.

A questo punto la professoressa ha sporto denuncia e ha raccontato l’accaduto ai carabinieri. Stalking e ingiurie sono le accuse contestate dal pubblico ministero Stefania Mininni a conclusione delle indagini preliminari.
Dall’inizio della storia al momento della denuncia sono trascorsi ben 10 mesi. Generalmente si tende ad aspettare nella speranza che la situazione migliori, ma spesso ciò non avviene. Per difendersi da queste eccessive attenzioni che in molti casi diventano realmente pericolose, molte donne tengono in borsa uno spray irritante.
X spray, ad esempio, consente di bloccare momentaneamente la visuale dell’aggressione grazie alla sua consistenza schiumosa di colore blu. Ovviamente Endoacustica, l’azienda creatrice dello spray, ha pensato anche all’eventualità in cui l’aggressore si dia alla fuga. In questo caso, una volta rimossa la schiuma dal viso, il colore blu rimarrà sulla pelle per circa tre giorni e questo faciliterà l’identificazione del soggetto. X spray è un facile accorgimento che potrebbe rivelarsi importantissimo.

Violenza sugli uomini: dati allarmanti

novembre 28, 2012 Stalking Nessun Commento

Si è soliti pensare alla violenza di genere intendendo l’eventualità in cui la vittima sia donna e l’autore del reato sia uomo. Questo tipo di informazione distorta è quella che viene veicolata solitamente dai media determinando un processo di sensibilizzazione unidirezionale e relegando ad una posizione del tutto marginale l’ipotesi secondo la quale la violenza è subita spesso anche dal genere maschile.
Gli episodi avvengono perlopiù all’interno delle mura domestiche e ciò spesso comporta, dato il legame spesso di natura intrafamiliare, il silenzio della vittima. Perciò qualsiasi tipo di analisi risulta limitata a causa del numero di persone incapaci di denunciare la propria condizione.

Una recente ricerca dell’Istat, che ha preso spunto da un’indagine svolta nel 2006 su un campione di sesso femminile, ha messo in luce come la violenza non conosca ordine e genere e venga attuata con eccessiva frequenza anche a danno degli uomini.
Una scena in cui una donna schiaffeggia un uomo, ad esempio, non suscita particolare sdegno o indignazione, anzi l’episodio viene spesso minimizzato e diviene perfino ridicolo, ironico. Dunque queste reazioni ci portano a pensare che la violenza attuata da parte delle donne non esista.
L’indagine a carattere ufficioso ha voluto proprio dimostrare come questa forma di maltrattamento esista e ha voluto anche far luce su un argomento sconosciuto, almeno in Italia, dalla letteratura scientifica. Qualche accenno è rinvenibile in riferimento a Stati Uniti, India, Canada e Regno Unito.
I questionari sono stati somministrati a soggetti di età compresa tra 18 e 70 anni per un totale di 1.058 individui di sesso maschile.

Il 63,1% del campione ha dichiarato di aver subito almeno un episodio di violenza fisica per mano di una donna nel corso della propria vita. Al primo posto vi è la minaccia di esercitare violenza e la modalità più comune risulta essere tipicamente femminile: graffi, morsi, capelli strappati. Tra le “altre forme di violenza” appaiono tentativi di folgorazione con la corrente elettrica, investimenti con l’auto, mani schiacciate nelle porte e nei cassetti, spinte dalle scale.
Per quanto riguarda la violenza sessuale, il 48,7% del campione ha dichiarato di aver subito almeno un episodio di tale violenza ad opera di una donna. La percentuale maggiore riguarda l’interruzione senza motivi comprensibili di un rapporto intimo avviato. Questi eventi hanno reso la vittima depressa, mortificata, umiliata portando spesso conseguenze a livello psicofisico come insonnia, senso di inferiorità, calo dell’autostima, inadeguatezza. In alcuni casi è stato necessario ricorrere a terapie ed analisi. Non meno rilevante si è rivelata la parte di uomini costretti ad avere rapporti sessuali anche in forme non gradite, incluso attività di gruppo e scambi di coppia. Alcune di queste pratiche hanno provocato anche segni visibili, cicatrici, ustioni.
Infine per quanto riguarda gli atti persecutori il 31,9% del campione ha ammesso di averne subito da parte di una donna. Dalle analisi che ne sono derivate risulta dunque che oltre il 12% degli uomini avrebbe subito almeno un atto persecutorio ad opera di una donna nel corso della vita.
Al termine di questo excursus sulla violenza di cui sono vittima gli uomini risulta opportuno dare qualche consiglio anche ai maschietti. La soluzione più ovvia può essere quella di denunciare, ma d’altro canto risulta spesso difficile dimostrare questo tipo di violenze specie se nell’ambito di una relazione. L’utilizzo di microspie e microregistratori si è rivelato in numerosi casi opportuno al fine di raccogliere prove contro il persecutore sia esso uomo o donna.
Come abbiamo visto, le modalità aggressive non trovano limiti nella prestanza fisica o nello sviluppo muscolare e quindi possono essere attuate anche da persone fisicamente fragili e gracili. Ebbene dunque prestare attenzione a questi episodi siano essi verbali o fisici.

Quando la suocera diventa stalker

novembre 7, 2012 Stalking 1 Commento

La relazione tra suocera e nuora, si sa, è spesso fatta di compromessi e disguidi che possono sfociare in vessazioni e tormenti che rendono ben poco tranquilla la vita familiare.

Nel Vicentino, una donna di 69 anni è indagata per stalking per aver reso praticamente impossibile la vita della nuora. A quanto è stato dichiarato agli inquirenti, la signora si lamentava continuamente della nuora. Il disordine in casa, le spese eccessive, il modo di vestirsi, l’orario di levata dal letto, le caratteristiche fisiche e comportamentali…sono tutti temi al centro delle lamentele della mamma del marito. A questo si sono aggiunte molestie vere e proprie: pedinamenti, controlli telefonici, incursioni improvvise. Ovviamente il tutto “per il bene” del pargolo ormai ultraquarantenne.

Una storia molto simile si è verificata qualche mese fa a Viterbo. In entrambi i casi si tratta di tormenti psicologici. Tutte e due le donne in questione sono state inseguite, messe sotto controllo telefonico. Nel caso della suocera vicentina, la donna aveva instaurato un vero e proprio rapporto di rivalità con la moglie del figlio, come se si stessero contendendo lo stesso uomo. Mentre la donna viterbese voleva fortemente ripristinare la relazione del figlio con la ex, ormai finita proprio a causa della sua invadenza.

Lettere, spyphone, pedinamenti e microspie sono tutti elementi riscontrati nel corso delle indagini. D’altronde i dati parlano chiaro: sono aumentate le denunce verso signore insoddisfatte della donna scelta dai propri figli. E quindi anche le giovani donne potrebbero “tutelarsi” magari utilizzando un cellulare non intercettabile o ricorrendo ad una bonifica ambientale che permette di rilevale e disattivare tutte le microspie nascoste.

Madri gelose, iperprotettive e uomini molto spesso “mammoni” e non in grado di prendere una posizione in merito alla diatriba madre-moglie. Egli stesso vittima e complice dello stalker. Spesso il problema è di natura culturale. La coppia per sopravvivere in quanto tale ha bisogno dei propri spazi vitali e quindi è fondamentale stabilire dei patti che permettano una serena relazione familiare e magari stabilire una soglia massima di invadenza della tanto cara mamma.

Guida alpina accusata di molestie sessuali e stalking

ottobre 23, 2012 Stalking Nessun Commento

In molti ricorderanno la vicenda di Ario Sciolari, noto alpinista di San Vito di Cadore, che circa quattro mesi fa è stato condannato a tre anni e mezzo dai giudici di Belluno per aver molestato sessualmente un ragazzino, all’epoca 12enne. I fatti risalgono al luglio 2008 durante un campo estivo in Val di Zoldo. Durante il camping nel quale Sciolari si proponeva di far vivere ai ragazzini l’esperienza della vita a contatto con la natura sullo stile dei nativi americani, la guida avrebbe massaggiato il 12enne toccandolo nelle parti intime. Inoltre il ragazzino, che dormiva in tenda con Sciolari, si sarebbe svegliato nudo dopo essersi coricato vestito. Il ragazzino, ora 17enne, è ancora oggi in cura per le conseguenze di quell’esperienza.

La lunga requisitoria della pubblica accusa, che ha ricostruito i fatti, ha definito l’alpinista come un manipolatore, dalla personalità forte e incline a questo tipo di rapporti con gli adolescenti. Proprio in questi giorni, un’altra condanna per l’alpinista: un anno e nove mesi per stalking, per aver perseguitato via telefono e posta elettronica lo stesso minorenne. Stando all’accusa, dopo aver saputo della querela per gli abusi, Sciolari avrebbe iniziato a tempestare il ragazzino, la mamma e il compagno di lei con un gran numero di sms, e-mail e chiamate, spesso dai toni minacciosi. Molestie durate per quasi due anni. E’ stata la mamma del ragazzo, oggi 17enne, ha sporgere querela, stanca della presenza dell’alpinista scrittore nella loro vita. Ario Sciolari ha provato a risarcire il danno, ma l’accusa è andata avanti e si è arrivati a sentenza per il reato di stalking.

Spesso può apparire esagerato il controllo di alcuni genitori che utilizzano microspie e cellulari spia per “controllare” i propri figli. Dinanzi a queste vicende, purtroppo abbastanza frequenti, vien da chiedersi se questi strumenti siano davvero sinonimo di mancanza di fiducia o rappresentino un modo reale per salvaguardare i minori.

Torino: accetta un passaggio e rischia lo stupro

ottobre 10, 2012 Stalking Nessun Commento

Accetta un passaggio da un automobilista e si ritrova a casa di uno sconosciuto tra urla e percosse, rischiando di essere violentata. E’ questo quanto accaduto qualche giorno fa a Torino ad una ragazza di origine spagnola.

I fatti: la giovane è salita a bordo dell’auto di un gentile ragazzo peruviano perché bisognosa di un passaggio. L’uomo l’ha condotta in casa propria e, una volta nell’appartamento, ha cominciato a gridare rendendo palesi le sue intenzioni. Le sue urla hanno destato l’attenzione dei residenti del quartiere Parella che, affacciandosi, hanno visto la ragazza uscire di corsa dal condominio, con le mani piene di sangue, inseguita dal peruviano.

Un testimone ha raccontato la paura della giovane inseguita dall’uomo che cercava di rassicurare i presenti dicendo che la vittima si era fatta male da sola, ma le cinque dita di una mano impresse sulla faccia della giovane donna non hanno lasciato dubbi. Il peruviano ha proseguito volendosi discolpare, dicendo che era passato da casa solo per prendere un documento. La ragazza, dal suo canto, ha dichiarato che l’uomo l’ha resa prigioniera e che, una volta entrata in casa, ha cominciato a spogliarla e a picchiarla impedendole di uscire. Lei ha cercato di difendersi prendendo un coltello con cui probabilmente è stata ferita nel tentativo di disarmarla. Al termine della vicenda, la spagnola è stata assistita subito dagli abitanti del quartiere e dal soccorso medico, mentre l’uomo è riuscito a fuggire.

Una storia che rivela diversi passaggi oscuri. Una cosa è certa, purtroppo non costituisce un episodio isolato. Per questo le donne dovrebbero cercare di auto tutelarsi o quanto meno auto difendersi. Endoacustica ha pensato ad una valida “soluzione di difesa”, si tratta dell’X-Spray, una schiuma che una volta spruzzata sul volto dell’aggressore, oltre ad impedirne temporaneamente la visuale, lascia macchie blu che restano per diversi giorni in modo da facilitarne il riconoscimento. Un accessorio da portare in borsetta per evitare spiacevoli eventi.

ADS

 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.

 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

 ALLARME ANTI-ANNEGAMENTO E ANTISMARRIMENTO
localizzatore rf

Allarme anti-annegamento e antismarrimento è un sistema di protezione che combina un allarme anti-annegamento ed uno anti-smarrimento, ed è particolarmente efficace come sistema elettronico di sicurezza per proteggere i vostri bambini o animali domestici.

ARTICOLI IN RILIEVO

Cyberstalking e sistemi tecnologici di prevenzione

15 Set 2016

cyber-stalking

Che la tecnologia abbia apportato alle nostre vite notevoli vantaggi è fuori discussione. Spesso però tendiamo a minimizzare i pericoli derivanti dall’utilizzo incauto degli strumenti tecnologici messi a nostra disposizione. Uno dei casi più emblematici in tal senso è quello che concerne lo stalking online, o cyberstalking, ovvero la molestia perpetrata a danno di individui che utilizzano la rete per comunicare tra loro. Anche qui la forma persecutoria assume le …

Stalking citofonico. Un modo tutto nuovo di importunare

10 Set 2015

stalking-woman

È successo qualche giorno fa a Centocelle, alle porte di Roma. Un tizio insiste pigiando più volte sui tasti del citofono, gridando a squarciagola di volere del denaro. Quando si rende conto che la sua richiesta rimarrà ancora una volta inascoltata, strappa via con forza il citofono dal muro aiutandosi con un taglierino. La proprietaria del condominio preso di mira da mesi dallo stalker lo riconosce immediatamente e lo denuncia …

Stalking all’interno dell’azienda, scattano le manette

22 Lug 2014

Per nove volte ha vuotato una bottiglia d’acqua sulla stampante della collega mandandola in tilt. La donna ha poi riferito anche di aver trovato delle croci segnate sulle fotografie dei figli. Per una serie di “dispetti” il cui movente è ancora poco chiaro, un uomo di 65 anni della provincia di Brindisi, dipendente della Provincia, è stato raggiunto da un’ordinanza cautelare con cui si dispone il divieto di avvicinamento alla …

Sei vittima dello stalking? Ecco cosa fare

16 Dic 2013

Il reato di stalking si configura quando qualcuno (spesso, un ex partner) compie una serie di atti (che possono essere minacce o molestie, ma anche atti apparentemente innocui, come l’invio continuo di indesiderati sms, fiori, o biglietti) tanto da compiere violenza psicologica nei confronti della vittima ingenerandole un comprensibile stato di ansia e paura oppure costringendola a cambiare abitudini personali (sostituire utenza telefonica, cambiare residenza, ecc.) o ancora ingenerandole un fondato timore per la propria …

Il team che rapisce le ragazzine adescandole su Facebook

31 Ott 2013

Una macchina organizzativa ben strutturata ha portato al rapimento di una tredicenne bresciana, portata fino a Lugano da un adulto conosciuto via Facebook e affetto da turbe sessuali. All’inquietante piano hanno preso parte più persone, un gruppo organizzatosi per agganciare giovanissime prede attraverso i social network. L’episodio ha avuto inizio a settembre quando la ragazzina, che frequenta la scuola media a Isorella, a sud di Brescia, ha allacciato un’amicizia attraverso …

358 telefonate e 500 sms in un mese: l’amante diventa stalker

16 Set 2013

Dodici anni da amanti, tra incontri segreti e bugie. Poi la fiamma dell’amore si è spenta, almeno per lei, che ha deciso di troncare la relazione. Un duro colpo per lui, che non si è rassegnato dinanzi alla decisione. Ma riconquistarla si è rivelato impossibile. Così è scattata la presa di posizione: «O con me o con nessuno». La delusione si è già trasformata in ossessione: in un mese 539 …

Allarme stalking all’interno dei condomini

30 Mag 2013

Liti condominiali per volumi troppo alti, pulizie, sacchetti di immondizia nel pianerottolo o gestione degli spazi comuni sono all’ordine del giorno in quasi tutti i condomini. Pare che negli ultimi tempi siamo numerosi i casi in cui la tensione tra vicini sfocia in veri e propri episodi di stalking. L’allarme è stato lanciato dall’associazione degli amministratori di immobili, che ovviamente consiglia alle vittime di rivolgersi in primo luogo all’amministratore di …

Due persone in pochi giorni sfigurate con l’acido dagli ex

3 Mag 2013

Le storie d’amore finite male possono divenire davvero pericolose e spesso sono fonte di atti di stalking e persecuzioni che sfociano in vere e proprie violenze. Ne sono esempio due tragedie avvenute di recente. La prima riguarda un’avvocatessa di 35 anni, Lucia Annibali, aggredita nei pressi della sua casa, a Pesaro, da un uomo con il volto coperto che le ha gettato sul viso dell’acido. La donna ha aperto il portone …