ReThink. Un’app efficace contro i bulli della rete

ReThink. Un’app efficace contro i bulli della rete

Si chiama ReThink ed è una applicazione in grado di allertare, attraverso un semplice messaggio a comparsa, quando si stanno per inviare parole o frasi offensive in rete. Pur nella sua semplicità d’uso, l’app inventata da Trisha Prabhu, una ragazzina statunitense di appena 15 anni, sembra comunque fare bene il proprio lavoro. Ben il 90% dei suoi utilizzatori, infatti, è stato dissuaso dal software dall’inserire termini ritenuti inappropriati e allo stesso tempo invitato a sostituirli con altri meno offensivi. Insomma, ReThing suggerisce all’utente di “ripensarci” su prima di buttare giù qualcosa che potrebbe ferire un’altra persona.

L’idea di un’applicativo web capace di contrastare la piaga del bullismo in rete è nata un anno fa, quando la piccola programmatrice in erba legge sul giornale la storia di Rebecca, una ragazza di 12 anni suicidatasi a causa di un episodio di cyberbullismo. Rammaricata e ferita profondamente dall’episodio, Trisha non ha resistito alla tentazione di fare qualcosa per i suoi coetanei, vittime dello stesso reato. Così ha creato ReThink, un’applicazione che conta già parecchie migliaia di utenti soddisfatti.

Visto sotto un’ottica di prevenzione, il progetto messo su da questa geniale ragazzina ci sembra un’occasione più unica che rara. Non a caso nasce in un periodo che vede il dilagare dei social network, ritenuti da alcuni studiosi un mezzo subdolo e degradante per perpetrare azioni simili a quelle richiamate pocanzi. Ad ogni modo è importante non abbassare mai la guardia. In commercio esistono molte applicazioni che, alla stregua dell’applicazione ideata da Trisha, permettono di capire in anticipo se adolescenti e non sono in procinto di incappare in situazioni pericolose. Un sistema efficace potrebbe essere ad esempio uno spyphone, ovvero un telefono sul quale è stato installato preventivamente un software spia capace di monitorare chiamate, suoni ambientali, SMS, chat di messagistica istantanea (Facebook, WhatsApp ecc.) e localizzazione geografica. Una soluzione completa ed efficace a difesa delle vittime del bullismo in rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.