Dipendenza economica e tradimento: uno studio ci svela una possibile correlazione

In un articolo apparso qualche tempo fa sul sito dell’ASA (American Sociological Association), si fa menzione di una possibile correlazione tra la dipendenza economica dal proprio partner e i casi di tradimento. Così si esprime nell’articolo in questione il sociologo statunitense Christin L. Munsch, studioso del fenomeno: “Credete che le …

Sei vittima del micro-cheating? Scopriamolo insieme!

Credete di essere immuni da qualsiasi forma di tradimento? Non siate troppo fiduciosi nelle vostre capacità di controllo emotivo, perché potreste essere incorsi, senza neppure saperlo, in azioni di micro-cheating. Il termine in questione, traducibile grossomodo nella nostra lingua come micro-inganni, è saltato alla ribalta della rete qualche mese fa grazie …

Tradimento: i 10 Paesi del mondo in cui si tradisce di più

L’adulterio, si sa, non fa alcuna distinzione di sesso o nazionalità. Tuttavia proveremo in questo articolo a stilare una classifica delle nazioni più fedifraghe al mondo, agganciandoci ai dati emersi da un recente sondaggio della Durex, il noto marchio di profilattici. Siete pronti? Bene, cominciamo. 10° posto, Finlandia. Percentuale di …

Tradimento coniugale: mogli e mariti fate attenzione a queste date!

Esistono specifici giorni dell’anno in cui è più facile essere traditi? Stando ai risultati di una ricerca avviata da due siti di incontri on line, sembrerebbe proprio di sì. Vediamo nello specifico di cosa si tratta. Dal sondaggio di Gleeden, che si autodefinisce “il primo sito di incontri extraconiugali pensato …

Articoli Recenti:

Quando lui tradisce lei

Circa l’85% delle donne crede di essere tradita dal proprio partner ed il 50% di queste ha pienamente ragione. Il futuro di una relazione matrimoniale dipende spesso dal riconoscere gli indizi e se la relazione sarà confermata, allora la coppia sarà orientata a prendere una decisione importante per il proprio futuro come quella del matrimonio.

Ci sono circa 800 segnali differenti che portano a capire se un marito tradisce, alcuni dei quali sicuramente vi lasceranno senza fiato.

Tutti i segnali non basterebbe un sito per poterli spiegare e raccontare, pertanto forniremo le svariate categorie in cui sono racchiusi questi segnali, insieme ad anche alcune poche cose specifiche che potrete controllare se sospettate che vostro marito vi tradisca.

 

  • Apparenza fisica
  • Comportamento con la moglie
  • Abitudini lavorative
  • Comportamento quotidiano
  • Finanze
  • Viaggi
  • Cambiamenti del comportamento/Personalità
  • Assenze
  • Indizi telefonici
  • Indizi sulla macchina
  • Sesso
  • Abitudini nel mangiare
  • Sapore e odore
  • Invasione di casa
  • Regali
  • Utilizzo del computer/cellulare/agenda
  • Evidenze fisiche
  • Scoperte o errori

Di tutte queste categorie verranno trattate solo le prime 3, e verranno forniti alcuni metodi su come scoprire un marito che tradisce. Conoscere i segnali vi aiuterà certamente a costruire il vostro caso per poter poi affrontare con lui la verità:

Apparenza Fisica: Se il vostro coniuge ha improvvisamente iniziato a curare maggiormente il suo aspetto fisico senza alcuna reale regione di vostra conoscenza, allora cominciate a preoccuparvi. Un nuovo taglio di capelli, cominciare a frequentare una palestra, vestirsi meglio o diversamente dal solito e soprattutto curare molto più l’igiene personale, possono essere indizi di un tradimento.

Comportamento con la moglie: Quando un marito tradisce, comincia a comportarsi diversamente con la moglie mostrando disinteresse verso la conversazione, non volendo più uscire fuori a cena per ricordare gli anniversari e così via. Questi però non sono da intendersi dei veri segni di una relazione extraconiugale, bensì indicatori che, aggiunti ad altri segnali, possono far capire cosa sta succedendo.

Abitudini lavorative: Un marito che tradisce cerca di trovare sempre scuse nuove per restare fuori casa tirando in ballo il lavoro. Frequenterà più spesso il luogo di lavoro, aumenteranno i meeting aziendali, dovrà affrontare più viaggi di lavoro o dirà di dover restare più a lungo sul luogo di lavoro per via della grande mole di lavoro da dover eseguire.

Ma la scusa più usata resta quella di dover restare con gli amici per una serata di poker. In questi casi, per scoprire se si è realmente traditi, basta regalare un cellulare spia, con il quale riuscirete sempre a sapere la verità o in alternativa contattare la Endoacustica che vi consiglierà la strategia migliore da adottare.

Quando lei tradisce lui

Nessun marito vorrebbe accusare mai la propria moglie di tradimento, ragion per cui quando si sospetta che una moglie abbia una relazione extraconiugale, bisogna rimanere molto calmi ed analizzare bene la situazione per non provocare danni al matrimonio. Uno dei segni più evidenti quando una donna ha una relazione extraconiugale, è il suo trascorrere più tempo in ufficio, pause pranzo molto lunghe rispetto alle usuali, riunioni di lavoro frequenti, cene aziendali, e così via.

La maggior parte delle relazioni extraconiugali inizia sul posto di lavoro, con impiegati, capi, consulenti o addirittura clienti. La cosa fondamentale che bisogna notare è una qualsiasi speciale attenzione per il luogo di lavoro. L’esempio più eclatante è se notate vostra moglie trascorrere più tempo nel curare il proprio aspetto per apparire più bella al lavoro, o magari che parta da casa prima del solito, che non torni a casa per pranzo, rimanendo sempre più frequentemente fuori, o che torni dal lavoro spesso in ritardo, o che faccia viaggi di lavoro, che preferisca restare davanti al computer a parlare con “amici” o “giocando a dei giochi”, piuttosto che venire a letto, allora potrete avere ragione di credere che lei stia tramando qualcosa.

Nel momento in cui cominciate a notare segni di cambiamento, dovrete iniziare a prenderne nota e a cercare delle prove. Tali prove possono essere raccolte con diverse tecniche, consultando specialisti del settore come la Endoacustica che da anni opera nel settore dello spionaggio, ed acquistando dispositivi tenologicamente avanzati come microregistratori (da occultare in casa o in auto) o cellulari spia, per mezzo di software per leggere sms, ascoltare chiamate, guardare la posizione geografica in real time o ascoltando l’ambiente.

Spesso accade che contemporaneamente al cambiamento di comportamento, lei cominci a curare maggiormente la propria igiene personale, farsi la manicure, la pedicure, cambiare il colore o il caglio di capelli o acquistare abiti sexy o trendy, etc.

Inoltre, se scoprite che vostra moglie preferisca parlare molto più al cellulare o abbassi la voce quando parla al telefono fisso di casa, bisogna cominciare a domandarsi il perché ed a quel punto regalarle un cellulare spia può sciogliere ogni dubbio. Accusare la propria moglie di tradimento, senza avere delle prove schiaccianti, è quanto di più sbagliato si possa fare, perché è inevitabile che lei neghi tutto, compromettendo così tanti aspetti della vita coniugale.

E’ sempre bene organizzare prove e metterle tutte insieme, magari controllando il computer e i siti che visita, controllando i tabulati telefonici e, se necessario, seguirla a distanza. Sappiamo che il solo parlare di inseguimenti possa sembrare squallido o invasivo, ma perché funzioni una relazione bisogna imparare anche a fare questo. Sarà un motivo per voi per amarla maggiormente e vivere la vostra relazione più serenamente, o scoprire la verità più spiacevole.

Qualora non riusciate a starle dietro, allora la soluzione ideale sarebbe assumere un investigatore privato che faccia il lavoro per voi, ma “i panni sporchi si lavano in famiglia” quindi è bene risolvere da soli la situazione, magari regalando un cellulare spia, piazzando dei microregistratori se pensate che possa portarsi l’uomo in casa mentre voi siete a lavoro, comprando dei software specializzati e invisibili che tengono traccia di tutte le attività svolte col computer e molti altri strumenti che possono aiutarvi a scoprire se vostra moglie sta realmente avendo una relazione con un altro.

Come riprendersi da un tradimento

Scoprire il tradimento del proprio marito o della propria moglie durante il matrimonio, è sicuramente una delle più dolorose esperienze della vita. Ogni tradimento porta con sé una lunga lista di conseguenze più o meno gravi che spaziano dall’insorgere di malattie psico-fisiche a una generale diffidenza verso tutto e tutti.

Per alcune coppie che vivono un’esperienza di tradimento, è possibile salvare il matrimonio effettuando cambiamenti specifici nella loro relazione; nella maggior parte delle coppie, invece, la mancanza di sincerità è un ostacolo insormontabile, impossibile da risolvere: in tal caso, si arriva inevitabilmente alla separazione.

Alcuni consigli su come riprendersi da un tradimento

Per aiutarvi a superare un tradimento e riprendere in mano la vostra vita da single e di coppia, ecco alcuni suggerimenti da adottare subito dopo aver scoperto che il vostro partner è stato infedele:

  • individuare il vero motivo del tradimento;
  • affrontare le proprie emozioni;
  • ottenere rassicurazioni.

Individuare il motivo del tradimento

In entrambe i casi, comunque, la cosa fondamentale resta individuare il vero motivo del tradimento.
Nel maggior numero delle situazioni, un coniuge tradisce perché attratto fisicamente da un’altra persona e nonostante si faccia di tutto per cercare di apparire meglio, molto spesso l’attrazione verso una persona esterna alla relazione che state vivendo non ha niente a che vedere con ciò che avete o non avete fatto. La cosa fondamentale è comprendere la situazione del partner che ha tradito, perché lui o lei – prima di tutti – deve capire le ragioni per cui ha avuto questa sbandata.

Affrontare le proprie emozioni

Se siete voi a essere stati traditi, allora dovrete affrontare le normali emozioni che assalgono chi ha subito un atto di infedeltà: rabbia, dolore, repulsione, esattamente come accade per un divorzio o la morte di qualcuno a voi caro. Avrete bisogno di tempo – almeno un anno, stando ad alcuni studi psicologici effettuati su persone tradite – per riuscire a lasciarvi completamente alle spalle il timore dell’infedeltà, ma riuscirete a superare tutto e migliorare considerevolmente le vostre relazioni. Inoltre, circondarvi di cari amici e di familiari vi aiuterà molto.

Ottenere rassicurazioni

Se avete deciso di continuare il matrimonio, sia voi che il vostro coniuge dovreste capire e accettare che, durante il periodo di ritorno alla normalità, avrete bisogno di rassicurazioni significative. Può sembrare poco etico, ma in questi casi dei microregistratori occultati in casa o in auto, possono essere la soluzione ideale, ma anche microspie e cellulari spia possono fare al caso vostro e darvi tutte le rassicurazioni di cui avrete bisogno.

Conclusione

Uno degli ostacoli principali che dovrete affrontare, sarà quello di accettare la verità del traditore: mentre lui o lei, una volta confessato il perché della sua infedeltà, vorrà evitare l’argomento e riconquistare la vostra fiducia, voi sentirete la necessità di fare domande sul perché lui/lei torni a casa tardi da lavoro, viaggi fuori città per affari e così via. È normale, ma se avete deciso di dare al vostro partner una seconda possibilità, dovrete essere capaci di tornare a fidarvi della vostra metà.

Tradimento 2.0 – Parte I: La nuova infedeltà

Computers portatili, telefoni celulati, Facebook, siti di incontri, pornografia via Internet, sesso virtuale, sistemi di spionaggio e sorveglianza, gadgets tecnologici: tutto questo è una parte della cosiddetta “nuova infedeltà”, che per comodità chiameremo Tradimento 2.0.

Cosa è il Tradimento 2.0?
Quali sono le influenze della tecnologia moderna sulle nuove forme di infedeltà? In cosa la “nuova infedeltà” differisce dalle forme “tradizionali”? Che effetto può avere sulla vostra relazione?

Occupandoci di tecnologia per la sorveglianza ed avendo spesso a che fare con casi di tradimento, abbiamo potuto notare direttamente come il panorama sia cambiato e le nuove tecnologie siano largamente usate per trovare nuove opportunità di tradire, o per scoprire un partner infedele.

Oggi infatti, iniziare una storia segreta è molto più facile che in passato. Soltanto vent’anni fa, chi volesse fare un po’ il “farfallone” doveva uscire, frequentare bar, locali o altri punti d’incontro, e la sua assenza da casa sarebbe stata già di per sé sospetta, mettendo sul chi vive il partner prima ancora che la ricerca potesse andare a buon fine.

Oggi, tutto questo si può fare comodamente seduti al proprio computer, praticamente senza rischio, dal salotto di casa o dall’ufficio, senza che il proprio coniuge o partner possa avere sospetti. La nascita di siti internet specificamente dedicati alla ricerca di partners occasionali, poi, permette di fare ricerche rapide secondo i propri gusti, con pochi click sul proprio mouse, trovando compagnia per una notte o per vere e proprie storie parallele, il tutto in totale privacy.

La gestione della tresca dipende dal contatto con l’amante, grazie alla rapidità d’uso di un cellulare o computer portatile, che permette di mandare un email o un SMS in pochi secondi, magari stando a pochi metri dal coniuge ignaro. La tecnologia moderna è insomma una sorta di “richiamo” per chi abbia tendenze all’infedeltà.

Tramite lo stesso mezzo, ad esempio Facebook, gli uomini possono mostrare le loro conquiste agli amici, le donne possono iniziare una corrispondenza con qualcuno che le soddisfi dal punto di vista emotivo.
Una semplice amicizia online può presto trasformarsi in qualcosa di più, o di diverso.

In ogni caso, se da un lato è più facile trovare un partner clandestino, è altrettanto facile essere sorpresi. SMS, email e messaggi in segreteria sono l’equivalente tecnologico dell’essere colti sul fatto, come abbiamo visto in casi famosi come quello di Tiger Woods.
La scoperta di una traccia scritta tra l’infedele e l’amante è la prova incontrovertibile dell’esistenza di una relazione, e un traditore troverà molte difficoltà a tentare di negare l’evidenza.

Non soltanto i mariti infedeli, ma anche gli investigatori, nei casi di infedeltà coniugale, fanno largo uso di strumenti tecnologici quali computers portatili, cellulari spia, equipaggiamenti GPS, così come di sofisticate attrezzature di sorveglianza audio e video, ricerche su Internet ed altro ancora, per raccogliere le prove di un tradimento possibile o esistente.

Anche gli avvocati divorzisti ne fanno largo uso. Ad esempio, secondo una ricerca dondotta negli USA, l’81% degli avvocati usa Facebook o altri siti di social networking per raccogliere quante più prove possibili, da poter usare poi durante la discussione di una causa di divorzio ed ottenere più benefici possibili per il proprio cliente.

Infatti, spesso chi tradisce commette l’errore di postare una propria foto ad una festa, o in un luogo dove non avrebbe dovuto essere, o la sua foto viene postata da un amico ignaro, fornendo involontariamente una prova da poter essere usata a suo carico.
Le amanti invece possono postare fotografie dei regali ricevuti, magari menzionando il nome del “benefattore” ed assegnandogli un “tag”, rendendolo pertanto rintracciabile a chi sappia cosa cercare. In un caso del genere, risulterebbe difficile, per un marito traditore, dichiarare che non ha i soldi per poter mandare gli alimenti alla propria ex-moglie o ai figli…

Le conseguenze del Tradimento 2.0
Una cosa che il tradimento 2.0 e quello cosiddetto “tradizionale” hanno in comune, e che non è cambiata con l’evolversi delle tecnologie usate per tradire, è sicuramente il costo che le conseguenze possono avere su tutte le persone coinvolte.
L’infedeltà colpisce l’intera famiglia. Nessuno riesce a sfuggire alle conseguenze psicologiche, fisiche ed anche finanziarie del tradimento.

Effetti psicologici
Il trauma emotivo causato dalla scoperta dell’infedeltà può avere ripercussioni sul livello di produttività o sulla concentrazione in ufficio, e in casi estremi può addirittura portare al licenziamento della persona tradita, incapace di concentrarsi sui suoi compiti quotidiani.

L’infedeltà può anche avere sonseguenze psicologiche che condizionano il rapporto tra genitori e figli, in quanto è difficile riuscire a mantenere il ruolo di guida per i propri figli, quando si stanno affrontando le conseguenze di un tradimento.

Gli effetti psicologici, poi, possono presentarsi anche nei figli di una coppia alle prese con le conseguenze dell’infedeltà.
A seconda dell’età del bambino o ragazzo, questi effetti possono presentarsi sotto forma di depressione, ansia, problemi nel rendimento scolastico, uso di droghe o di alcolici, disturbi alimentari, comportamenti antisociali o autodistruttivi, aggressività ed altro ancora, tutti problemi che uno o entrambi i genitori dovranno affrontare per evitare ulteriori peggioramenti.

Effetti fisici
Il tradimento può avere conseguenze a livello fisico, come ad esempio l’insonnia, la perdita dell’appetito, mal di testa, depressione, attacchi d’anzia, stress, aumento della pressione arteriosa, deficit immunitario, tutti effetti che possono creare problemi alla salute.
Inoltre, se chi tradisce lo fa praticando sesso non protetto, la vittima potrebbe addiritura essere a rischio di contagio per malattie a trasmissione sessuale o addirittura AIDS, oppure l’amante potrebbe avere una gravidanza non voluta.

Effetti finanziari
Se l’infedeltà porta al divorzio o alla separazione, le conseguenze finanziarie possono riflettersi sullo stile di vita di ognuno dei due, ed avere conseguenze anche sulla salute e sulla qualità degli studi dei figli.

Computers portatili, telefoni celulati, Facebook, siti di incontri, pornografia via Internet, sesso virtuale, sistemi di spionaggio e sorveglianza, gadgets tecnologici: tutto questo è una parte della cosiddetta “nuova infedeltà”, che per comodità chiameremo Tradimento 2.0.

Cosa è il Tradimento 2.0?
Quali sono le influenze della tecnologia moderna sulle nuove forme di infedeltà? In cosa la “nuova infedeltà” differisce dalle forme “tradizionali”? Che effetto può avere sulla vostra relazione?

Occupandoci di tecnologia per la sorveglianza ed avendo spesso a che fare con casi di tradimento, abbiamo potuto notare direttamente come il panorama sia cambiato e le nuove tecnologie siano largamente usate per trovare nuove opportunità di tradire, o per scoprire un partner infedele.

Oggi infatti, iniziare una storia segreta è molto più facile che in passato. Soltanto vent’anni fa, chi volesse fare un po’ il “farfallone” doveva uscire, frequentare bar, locali o altri punti d’incontro, e la sua assenza da casa sarebbe stata già di per sé sospetta, mettendo sul chi vive il partner prima ancora che la ricerca potesse andare a buon fine.

Oggi, tutto questo si può fare comodamente seduti al proprio computer, praticamente senza rischio, dal salotto di casa o dall’ufficio, senza che il proprio coniuge o partner possa avere sospetti. La nascita di siti internet specificamente dedicati alla ricerca di partners occasionali, poi, permette di fare ricerche rapide secondo i propri gusti, con pochi click sul proprio mouse, trovando compagnia per una notte o per vere e proprie storie parallele, il tutto in totale privacy.

La gestione della tresca dipende dal contatto con l’amante, grazie alla rapidità d’uso di un cellulare o computer portatile, che permette di mandare un email o un SMS in pochi secondi, magari stando a pochi metri dal coniuge ignaro. La tecnologia moderna è insomma una sorta di “richiamo” per chi abbia tendenze all’infedeltà.

Tramite lo stesso mezzo, ad esempio Facebook, gli uomini possono mostrare le loro conquiste agli amici, le donne possono iniziare una corrispondenza con qualcuno che le soddisfi dal punto di vista emotivo.
Una semplice amicizia online può presto trasformarsi in qualcosa di più, o di diverso.

In ogni caso, se da un lato è più facile trovare un partner clandestino, è altrettanto facile essere sorpresi. SMS, email e messaggi in segreteria sono l’equivalente tecnologico dell’essere colti sul fatto, come abbiamo visto in casi famosi come quello di Tiger Woods.
La scoperta di una traccia scritta tra l’infedele e l’amante è la prova incontrovertibile dell’esistenza di una relazione, e un traditore troverà molte difficoltà a tentare di negare l’evidenza.

Non soltanto i mariti infedeli, ma anche gli investigatori, nei casi di infedeltà coniugale, fanno largo uso di strumenti tecnologici quali computers portatili, cellulari spia, equipaggiamenti GPS, così come di sofisticate attrezzature di sorveglianza audio e video, ricerche su Internet ed altro ancora, per raccogliere le prove di un tradimento possibile o esistente.

Anche gli avvocati divorzisti ne fanno largo uso. Ad esempio, secondo una ricerca dondotta negli USA, l’81% degli avvocati usa Facebook o altri siti di social networking per raccogliere quante più prove possibili, da poter usare poi durante la discussione di una causa di divorzio ed ottenere più benefici possibili per il proprio cliente.

Infatti, spesso chi tradisce commette l’errore di postare una propria foto ad una festa, o in un luogo dove non avrebbe dovuto essere, o la sua foto viene postata da un amico ignaro, fornendo involontariamente una prova da poter essere usata a suo carico.
Le amanti invece possono postare fotografie dei regali ricevuti, magari menzionando il nome del “benefattore” ed assegnandogli un “tag”, rendendolo pertanto rintracciabile a chi sappia cosa cercare. In un caso del genere, risulterebbe difficile, per un marito traditore, dichiarare che non ha i soldi per poter mandare gli alimenti alla propria ex-moglie o ai figli…

Le conseguenze del Tradimento 2.0
Una cosa che il tradimento 2.0 e quello cosiddetto “tradizionale” hanno in comune, e che non è cambiata con l’evolversi delle tecnologie usate per tradire, è sicuramente il costo che le conseguenze possono avere su tutte le persone coinvolte.
L’infedeltà colpisce l’intera famiglia. Nessuno riesce a sfuggire alle conseguenze psicologiche, fisiche ed anche finanziarie del tradimento.

Effetti psicologici
Il trauma emotivo causato dalla scoperta dell’infedeltà può avere ripercussioni sul livello di produttività o sulla concentrazione in ufficio, e in casi estremi può addirittura portare al licenziamento della persona tradita, incapace di concentrarsi sui suoi compiti quotidiani.

L’infedeltà può anche avere sonseguenze psicologiche che condizionano il rapporto tra genitori e figli, in quanto è difficile riuscire a mantenere il ruolo di guida per i propri figli, quando si stanno affrontando le conseguenze di un tradimento.

Gli effetti psicologici, poi, possono presentarsi anche nei figli di una coppia alle prese con le conseguenze dell’infedeltà.
A seconda dell’età del bambino o ragazzo, questi effetti possono presentarsi sotto forma di depressione, ansia, problemi nel rendimento scolastico, uso di droghe o di alcolici, disturbi alimentari, comportamenti antisociali o autodistruttivi, aggressività ed altro ancora, tutti problemi che uno o entrambi i genitori dovranno affrontare per evitare ulteriori peggioramenti.

Effetti fisici
Il tradimento può avere conseguenze a livello fisico, come ad esempio l’insonnia, la perdita dell’appetito, mal di testa, depressione, attacchi d’anzia, stress, aumento della pressione arteriosa, deficit immunitario, tutti effetti che possono creare problemi alla salute.
Inoltre, se chi tradisce lo fa praticando sesso non protetto, la vittima potrebbe addiritura essere a rischio di contagio per malattie a trasmissione sessuale o addirittura AIDS, oppure l’amante potrebbe avere una gravidanza non voluta.

Effetti finanziari
Se l’infedeltà porta al divorzio o alla separazione, le conseguenze finanziarie possono riflettersi sullo stile di vita di ognuno dei due, ed avere conseguenze anche sulla salute e sulla qualità degli studi dei figli.

L’effetto dell’infedeltà su tutta la famiglia

Il tradimento ha conseguenze per tutte le persone coinvolte. Se un padre tradisce la moglie, anche i figli ne pagano le conseguenze, come si può vedere nella storia di seguito, nella quale il tradimento di un padre ha distrutto una famiglia, con gravi conseguenze anche per il loro figlio. I nomi, ovviamente, sono di fantasia.

Luisa, una madre di famiglia romana, cominciò ad avere dei dubbi quando Roberto, il loro figlio di 8 anni, corse da lei urlando dicendole che il marito stava guardando foto di donne nude su Internet. Ovviamente, per quando lei entrò nella stanza del computer, il marito stava guardando tutt’altro.

Tuttavia, quando Martino uscì per andare a lavorare nel suo turno di notte, Luisa diede un’occhiata al computer e, con suo grande stupore, scoprì che il marito aveva visitato svariati siti pornografici, agenzie di escort online ed anche siti di incontri, e che sul suo computer c’erano intere cartelle piene di fotografie erotiche ed anche pornografiche.

Inoltre, esaminando il contenuto dei messaggi in chat e via email, era chiaro che con alcune delle donne con cui Martino aveva avuto dei contatti online, c’erano anche stati degli incontri dal vivo, durante la giornata, mentre Luisa era al lavoro.

A questo punto Luisa decise di rivolgersi alla Endoacustica, azienda specializzata nello spionaggio ed in prodotti di video sorveglianza, ed acquistò un cellulare spia. Dopo averlo regalato al marito, Luisa riuscì a scoprire numeri di telefono, dettagli di luoghi e date di incontri, conversazioni a sfondo sessuale che comprendevano anche una descrizione di atti sessuali compiuti insieme. Luisa ne fu comprensibilmente sconvolta.

Mentre era seduta di fronte al computer, cominciò a rendersi conto che questo poteva essere il vero motivo per lo strano comportamento di suo marito negli ultimi mesi. Secondo Luisa, infatti, Martino appariva distaccato, e si comportava con lei in maniera diversa, facendo cose che non facevano parte del suo carattere.
Improvvisamente, era molto critico con lei o verso le cose che lei faceva. Era irritabile e lunatico, e cominciava a rifiutare di fare cose, o di andare in qualche luogo, che di solito amava fare o visitare.

Luisa tenne traccia di una serie di strani numeri apparsi nel telefono cellulare, e rivolgendosi alla Endoacustica, chiese i tabulati telefonici e riuscìcosì a risalire ai nomi e agli indirizzi di tre numeri di telefono che Martino aveva chiamato frequentemente. A quel punto prese a guidare spesso nelle zone corrispondenti a quegli indirizzi, senza sapere realmente cosa stesse cercando.

Un giorno però, mentre passava di fronte a uno degli indirizzi in questione, vide l’auto di suo marito parcheggiata lì di fronte, e decise di passare all’azione. Ecco come lei stessa descrive la situazione:

“Parcheggiai la mia macchina dietro la sua, e lo chiamai sul cellulare, a cui rispose una donna. Le dissi chi ero, e le dissi di chiedere a mio marito di uscire fuori, visto che mi trovavo proprio di fronte. Martino uscì con una espressione di sorpresa mista a colpa, e provò a darmi qualche incomprensibile scusa riguardo alla sua presenza in quel luogo”.

“Non so cosa avrebbe detto alla donna che ora era sulla porta dietro di lui, a proposito della mia presenza, e non mi interessava aspettare per saperlo. Guidai verso casa in lacrime, avevo già visto e sentito abbastanza”.

Nei mesi successivi, Luisa iniziò a soffrire di mal di testa frequenti, insonnia, incubi, perdita di appetito e stress post-traumatico. Il suo mondo si era completamente capovolto in un attimo.

Un giorno, nel tentativo di analizzare le cause dell’infedeltà di suo marito, un’infedeltà che lei era convinta che continuasse ancora, provò a fare alcune domande a Martino. Per tutta risposta, suo marito ebbe uno scoppio di violenza, afferrandola con forza e strappandole la camicia. Si fermò giusto un attimo prima di colpirla, e Luisa si rese conto che lui si stava trattenendo, forse perché, visto che era istruttore e tripla cintura nera di arti marziali, sapeva quali sarebbero state le conseguenze.
O forse, si fermò perché in quel momento arrivò il figlio Roberto, che piangendo implorò il padre di non fare del male alla mamma. Martino la lasciò andare, uscì di casa salendo sulla sua auto e se ne andò.

Luisa e Roberto erano terrorizzati, Martino non si era mai comportato così prima. Preoccupata per l’incolumità’ propria e del figlio, e non sapendo cosa potesse aspettarsi da Martino a quel punto, non aveva altra scelta se non quella di rivolgersi alla polizia. Disse di essere devastata, e completamente impreparata a questo genere di eventi: “La cosa mi colpì duramente, perché avevo sempre cercato di essere la miglior moglie possibile e pensavo che il nostro fosse un matrimonio felice, ma la parte peggiore fu l’effetto che la cosa ebbe su nostro figlio”.

Infatti Roberto, ora adolescente, anche a distanza di anni ancora soffre degli effetti causati dal tradimento di suo padre nei confronti di sua madre. La madre, che lo ha posto in cura presso un analista, dice che ha spesso attacchi di rabbia, si sente abbandonato, non si fida dei genitori verso i quali cova risentimenti, e molto altro ancora.

Il fattore Internet

L’infedeltà’ di Martino è stata, almeno in parte, causata dalle nuove tecnologie e dalla facilità di accesso alla pornografia via Internet. Dai siti pornografici alle agenzie di escort, fino ai siti in cui si possono trovare dei partner per incontri sessuali casuali, il passo è stato breve.

Quello che per Martino era un nuovo hobby, ha portato alla dissoluzione della sua famiglia e del suo matrimonio. Analizzando gli eventi in retrospettiva, infatti, Luisa dice che quello che Martino ha potuto vedere su Internet ha probabilmente stimolato la sua curiosità, fino al punto di vedere se là fuori ci fosse qualcosa di più interessante, o semplicemente di più eccitante, di quello che potesse trovare tra le mura di casa. Il lavoro notturno, con molto tempo libero a disposizione durante l’assenza di sua moglie, ha fatto il resto.

Fine della storia

Poco tempo dopo la separazione da Luisa, Martino fu licenziato dal lavoro, e cominciò a bere e a fare uso di droghe. La sua amante, con cui nel frattempo era andato a vivere, e alla quale aveva comprato una Mercedes nuova fiammante, gli prosciugò il conto in banca e poi lo cacciò via di casa.

Povero, alcolizzato e drogato, Martino non era in grado di trovare lavoro. Roberto aggiornava costantemente la madre, sia pure con riluttanza, sulla situazione e sullo stato del padre, finché le visite di quest’ultimo si interruppero bruscamente, l’assegno di mantenimento per il figlio smise di arrivare e Luisa fu costretta a trasferire il figlio da una scuola privata, che non poteva più permettersi, ad una pubblica.

I risultati di Roberto a scuola cominciarono a peggiorare, così come lo stato d’animo del ragazzi, che comunicava sempre di meno col mondo esterno ed era sempre arrabbiato.

Una sera, infine, la polizia venne a casa di Luisa, alla ricerca di Martino che non si era presentato ad un’udienza in tribunale, per un processo per possesso di droga. Quando finalmente lo rintracciarono, il poliziotto chiese a Martino come fosse possibile che un uomo con la posizione sociale che lui aveva in precedenza potesse fare una fine del genere.

Tutto quello che Martino riuscì a dire fu “la colpa è della mia infedeltà, tradire mia moglie è stato il più grande errore della mia vita”.

Essere l’ultima a sapere del tradimento: cosa si rischia

Nel vecchio adagio secondo il quale “la moglie è sempre l’ultima a sapere le cose” c’è molta verità, specialmente se si tratta di infedeltà coniugale.
Secondo varie statistiche, i due terzi delle donne il cui marito ha una relazione clandestina non hanno la minima idea di tale relazione, essenzialmente perché non sono in grado di captare i segnali rivelatori del tradimento.

Essere l’ultima persona a sapere del tradimento può avere conseguenze molto serie. Ad esempio, ecco tre cose che una moglie ignare potebbe seriamente rischiare di perdere.

Il proprio matrimonio

Essere l’ultima persona a sapere che il proprio marito la tradisce potrebbe essere un colpo fatale per qualsiasi donna tradita. Più tempo passa senza che la moglie se ne accorga, e più il legame tra il marito e l’altra donna rischia di diventare profondo. Per questo, è meglio accorgersi il più presto possibile che qualcosa sta succedendo, per avere maggiori possibilità di troncare la storia e rimettere in sesto il proprio rapporto di coppia.

Se la donna tradita è l’ultima a scoprire il fatto, la storia segreta potebbe già avere raggiunto, a quel tempo, il punto di non ritorno. Se non è in grado di riconoscere i segnali di allarme che potebbero indicare una relazione extraconiugale, una moglie potrebbe perdere l’attimo giusto che le consentirebbe di salvare il proprio matrimonio in zona Cesarini.

I propri soldi

Essere l’ultima persona a sapere della relazione clandestina del proprio marito potrebbe mettere una moglie tradita in seri guai dal punto di vista finanziario.
I mariti che tradiscono le mogli, spesso usano i fondi di famiglia per finanziare le proprie scappatelle. Un marito traditore che sta progettatndo di lasciare la propria moglie per andare a vivere con l’amante, potrebbe iniziare a vendere le sue proprietà senza dire nulla alla moglie, prima ancora di chiederle il divorzio.

Una donna tradita ha bisogno di sapere il più presto possibile se suo marito sta avendo una storia clandestina, in modo da potersi difendere anche dal punto di vista legale e finanziario. Se è l’ultima a saperlo, il marito potrebbe coglierla di sorpresa presentandole una richiesta scritta di divorzio prima ancora che lei abbia avuto l’opportunità di informarsi sui suoi diritti e proteggersi sia finanziariamente che legalmente.

La propria salute

Essere l’ultima persona a scoprire che il proprio marito ha una relazione clandestina può mettere in serio pericolo la salute di una moglie ignara. Se suo marito compie atti sessuali non protetti con un’altra donna, la moglie potrebbe essere a rischio di contrarre l’AIDS o molte altre malattie trasmesse per via sessuale.

Sapere che il proprio marito ha una relazione con un’altra donna poterbbe permettere alla moglie tradita di proteggere se stessa prendendo delle precauzioni nella propria vita sessuale con il marito, come il sesso protetto o l’astinenza dai rapporti intimi, fino a che il problema non sia stato risolto in maniera soddisfacente.

Saperlo potrebbe anche metterla sul chi vive per quanto riguarda la propria salute, consentendole di sottoporsi immediatamente a test anti HIV e AIDS, o per il rilevamento di altre malattie trasmesse sessualmente. Essere l’ultima a sapere che il proprio marito la tradisce potrebbe costare la vita ad una moglie tradita.

Le conseguenze di una scoperta tardiva

Come si vede, essere l’ultima a sapere una cosa di una tale importanza può avere conseguenze molto serie. Una moglie tradita può perdere il proprio matrimonio, i propri beni, la propria salute e persino la vita. Più tempo passa prima che la vittima di un tradimento scopra la tresca, e più avrà da perdere. Al giorno d’oggi, una moglie tradita, semplicemente, non può permettersi di essere l’ultima a saperlo.

Prima scopre gli indizi rivelatori di una storia extraconiugale, e più maggiori saranno le possibilità, per una moglie tradita, di riuscire a minimizzare il devastante impatto della scoperta e contenere i danni personali, finanziari e di salute, per questo un cellulare spia o microregistratori occultati in casa o in auto possono sempre rivelare particolari importanti perchè una scoperta tardiva può esporre una moglie tradita alla rovina finanziaria, danneggiare la sua salute o farle perdere una findamentale occasione per salvare il proprio matrimonio prima che la relazione clandestina del marito raggiunga il punto di non ritorno: dall’abilità di una moglie nel riconoscere gli indizi che qualcosa non va, dipende il futuro del suo matrimonio.

Come evitare di essere l’ultima a sapere di un tradimento

Il modo migliore per evitare di essere l’ultima a sapere che il proprio marito ha una relazione extraconiugale è quello di familiarizzare con gli indizi di infedeltà, sia quelli visibili che quelli invisibili. Infatti, per quanto un marito abbia cura di nascondere le proprie tracce, lascerà sempre qualche segnale che, se ben interpretato, può far scoprire il tradimento in tempo.

Poiché la maggior parte di tali segnali sono sottili ed è facile lasciarseli sfuggire, sapere dove e cosa cercare è la parte più importante. Se un marito tradisce la moglie, è vitale che essa lo sappia prima che sia troppo tardi. Pertanto, è sempre consigliabile informarsi per scoprire le centinaia di piccoli segnali che indicano un tradimento in corso.

L’infedeltà dei mariti crea problemi psicologici alle madri

L’infedeltà coniugale può creare problemi a livello psicologico, problemi che possono avere un impatto sulla maniera in cui una madre si relaziona coi propri figli. Questo perché è difficile concentrarsi sull’essere una buona madre mentre si ha a che fare con le conseguenze della scoperta di un tradimento.

Una madre che abbia appena scoperto che il proprio marito la tradisce potrebbe essere così sconvolta a livello emotivo, da trascurare i propri figli e non essere temporaneamente in grado di dar loro l’attenzione che meritano. Potrebbe essere così preoccupata per il proprio matrimonio, da diventare impaziente o irritabile con i propri bambini.

Il tradimento può causare problemi psicologici anche nei bambini, problemi dei quali dovrà prendersi carico la madre in prima istanza. A seconda dell’età del bambino, questi problemi potrebbero manifestarsi sotto forma di depressione, attacchi d’ansia, aggressività, comportamenti antisociali, disturbi alimentari, uso di droghe o di alcool, problemi a scuola e molto altro.

Inolte, il trauma emotivo di un’infedeltà potrebbe avere conseguenze negative sul rendimento al lavoro, rischiando in casi estremi di causare il licenziamento.

Le conseguenze fisiche dell’infedeltà su una madre:

Una madre può avere anche conseguenze a livello fisico in seguito ad un tradimento, quali insonnia, perdita d’appetito, mal di testa, depressione, attacchi d’anzia, aumento della pressione, palpitazioni cardiache, respiro corto ed altro ancora.

Inoltre, l’estremo stress a cui è sottoposta una donna vittima di tradimento può contribuire al calo delle sue difese immunitarie e renderla pertanto più suscettibile a malattie stagionali, raffreddori ed influenza. E se la sua salute ne risente, chi si prenderà cura dei bambini? Se la madre è la prima fonte di cure per i piccoli, chi prenderà il suo posto se lei non è in grado?

Se il marito fedifrago compie atti sessuali non protetti con la sua amante, la moglie e madre potrebbe rischiare di essere contagiata da HIV, AIDS ed altre malattie trasmesse sessualmente quali herpes, sifilide o gonorrea. Le malattie veneree possono causare tumori, epatite cronica, infiammazioni pelviche ed altro ancora.

Se la donna tradita è incinta ed il suo partner o marito fa del sesso non protetto con altre donne, lei potrebbe essere vulnerabile a malattie che potrebbero minacciare la vita sua o del suo bambino. Infatti il feto potrebbe avere conseguenze quali pneumonia, danni al sistema nervoso, peso ridotto alla nascita, cecità, sordità o meningite, fino al rischio di un aborto spontaneo.

Se la donna non è al corrente dell’infedeltà del suo partner e continua una normale vita sessuale con lui, potrebbe essere esposta a malattie quali gonorrea e clamidia, che non hanno cintomi visibili ma possono comunque provocare seri danni al suo apparato riproduttivo ed in ultima analisi portare all’infertilità, o a seri problemi anche in caso di concepimento, con complicazioni alla gravidanza che possono essere fatali sia per la donna che per il suo feto.

Recenti studi hanno dimostrato come molte donne vittima di tradimento possano presentare sintomi di stress post traumatico, come quelli dei reduci di guerra. Il trauma di scoprire l’infedeltà del proprio partner può causare attacchi di panico o improvvisi scoppi di pianto, accelerazione del battito cardiaco, alta pressione, difficoltà di respirazione, dolori al petto, palpitazioni cardiache, difficoltà a prendere sonno o a concentrarsi, e molti altri effetti fisici ed emotivi.

In ultimo, da un punto di vista strettamente fisico, l’infedeltà può portare danni fisici alle donne, questa volta causati dalla violenza domestica. Infatti, molte donne, oltre a subire l’umiliazione del tradimento, sono sottoposte anche a quella delle botte da parte dei loro mariti o fidanzati infedeli. Altre sono invece ricorse alla violenza verso il proprio partner o verso la sua amante dopo averne scoperto la tresca, finendo in carcere per questo motivo, mentre altre sono addirittura giunte al punto estremo, uccidendo i loro bambini o suicidandosi.

Le conseguenze finanziarie dell’infedeltà coniugale

Se l’infedeltà coniugale compiuta dal padre del bambino porta all’interruzione della relazione, o al divorzio nel caso di coppie sposate, la madre potrebbe vedere drasticamente ridotta la propria capacità di fornire un adeguato supporto finanziario ai propri figli, specialmente se il padre rifiuta di adempiere ai propri obblighi in tal senso, sotto forma di alimenti.

Lo status finanziario di una madre in seguito ad una separazione o divorzio causata dall’infedeltà del padre del proprio bambino, avrà quasi sempre un effetto negativo sullo stile e sulle condizioni di vita sia della madre che dei bambini, e potebbe avere effetti negativi sugli studi e sull’accesso all’assistenza medica per questi ultimi.

Una separazione o divorzio inaspettato può ridurre una madre di famiglia in condizioni finanziarie disperate o quasi. Se è casalinga, potrà essere costretta a lavorare, o se già lavora dovrà cercare un secondo lavoro per far quadrare i conti. Ognuna di queste situazioni finisce per ridurre al minimo il tempo passato con i propri figli.

Se il trauma del tradimento si riflette su una mamma in carriera fino al punto da farle perdere il lavoro, poterbbe finire per creare una crisi finanziaria di proporzioni immense.

Perché una madre non può essere sempre l’ultima a sapere

Non bisogna mai sottovalutare l’importanza, per una madre, di essere preparata in caso di tradimento. La conoscena è un’arma potentissima, in casi del genere.
Se una donna ha dei bambini, e il loro padre, sia esso marito o compagno della donna, la tradisce, non può permettersi di essere l’ultima a saperlo.

Per proteggere i propri figli, ogni donna dovrebbe cercare di mettersi in condizione di riconoscere i primi segnali di un possibile rischio di infedeltà, o quei piccoli e subdoli segnali di una tresca in corso, in modo da poter agire prima che sia troppo tardi. Il problema però è sapere cosa cercare.

Se è ben informata, sia che decida di lasciare il partner infedele o di restare al suo fianco, saròà comunque in grado di compiere dei passi per proteggere se stessa (e di riflesso, i propri figli) dal danno psicologico, fisico e finanziario causato dall’infedeltà.
Il futuro di una madre, quello del suo matrimonio o della sua relazione, e in ultima analisi quello dei figli, possono dipendere dalla sua capacità di riconoscere in tempo questi segnali e per farlo possono arrivare in suo soccorso gioielli della tecnologia come cellulari spia o microregistratori da occultare in casa, in auto o in qualsiasi altro luogo.

Le conseguenze del bullismo in età adulta

Maggio 6, 2011 Bullismo Nessun Commento

Le conseguenze di atti di bullismo e violenza subiti o compiuti durante l’adolescenza possono manifestearsi in età adulta, sia per il bullo che per la sua vittima.

Quando pensiamo al bullismo, ci vengono in mente immagini di botte tra ragazzi nel cortile della scuola, di alcuni di loro che vengono spintonati dai ragazzi più grandi, molestati sull’autobus o fatti oggetto di scherzi che, tutto sommato, noi adulti riteniamo innocui, pensando che sia una cosa normale tra ragazzi e che le sue conseguenze siano tutto sommato minime e si manifestino soltanto nel breve termine.

Invece, non si tratta soltanto di una cosa tra ragazzi. Secondo molte ricerche, è stato dimostrato che gli effetti degli atti di bullismo possono protrarsi anche nell’età adulta, sia nella vittima che nel suo molestatore, per il resto delle loro vite.

Il bullismo in sé è un atto molto pericoloso per entrambe le parti coinvolte. Esso genera sensazioni forti quali la paura, la vergogna, l’imbarazzo e i sensi di colpa nella vittima. I bulli usano le minacce per ridurre al silenzio le loro vittime, nella stessa maniera in cui un molestatore, un violentatore o anche un pedofilo possono costringere le loro vittime a non parlare.

Gli effetti a breve termine possono già essere molto profondi. Secondo i risultati delle ricerche, infatti, i ragazzi che vengono molestati a scuola mostrano molto spesso i seguenti sintomi:

– Tristezza a scuola
– Atteggiamento introverso
– Minore considerazione dei sentimenti altrui
– Maggiori problemi di integrazione
– Aumento dell’ansia
– Tendenza alla depressione

Alcuni di questi effetti del bullismo possono manifestarsi soltanto nel breve termine, ma ci sono anche delle conseguenze a lungo termine. Questo è vero in particolare se gli episodi di bullismo si protraggono per un certo tempo. I bambini o ragazzi che vengono molestati:

– Sono a più alto rischio di depressione e scarsa autostima da grandi
– Hanno maggiori probablità di soffrire di insicurezza
– Sono più a rischio emicranie o mal di testa cronici
– Tendono ad assentarsi più spesso da scuola in maniera giustificata o meno
– Possono avere maggiori problemi relazionali e familiari in età adulta
– Potrebbero scappare da casa in presenza di problemi o discussioni familiari
– Potrebbero avere problemi di alcolismo e dipendenza da droghe
– Rischiano di abbandonarsi a comportamenti autodistruttivi

Molti di questi sintomi possono essere riscontrati anche nei pazienti sofferenti di stress post traumatico. Un recente rapporto emesso in Gran Bretagna da UK Charity Kidscape ha evidenziato come coloro che erano stati molestati da ragazzi si portassero dietro tali problemi per tutto il resto della loro esistenza. Alcuni di questi problemi comprendevano tendenze suicide o omicide, o difficoltà di relazione con il mondo esterno o anche con la propria famiglia.
Questa ricerca è stata anche comprovata dalla Yale School of Medicine negli USA, che ha rilevato un collegamento tra i molestati, i molestatori e la diffusione del suicidio tra i ragazzi.

Il bullismo non è solo un problema per i nostri figli maschi. Le ragazze possono ugualmente molestarne altre, usando l’arma dell’esclusione sociale nei confronti delle loro vittime. Gli effetti a lungo termine possono essere devastanti, e secondo gli esperti questo tipo di “bullismo sociale” è direttamente responsabile della scarsa autostima che porta le donne a soffrire per relazioni complicate, gravidanze non volute, abuso di alcolici e stupefacenti fino a malattie quali anoressia e bulimia, collegate alla scarsa confidenza in sé stesse e nella propria immagine pubblica.

Gli effetti del bullismo, comunque, non sono limitati soltanto a chi ne è vittima. Recentemente, dei ricercatori hanno evidenziato come su dieci ragazzi che a scuola vengono definiti come bulli, almeno sei subiscono una condanna per qualsiasi tipo di reato entro i 24 anni di età.

Gli effetti di tale comportamento molesto su coloro che lo compiono, possono essere rilevati anche in aree che normalmente sembrerebbero non essere collegate. I ragazzi che entro l’età di sedici anni hanno manifestato persistenti problemi a livello comportamentale (tra cui il bullismo stesso) radoppiano il rischio di soffrire, in età adulta, di fibromialgia o sindrome da dolore cronico, rispetto ai ragazzi senza simili problemi comportamentali.

Negli ultimi anni, con la diffuzione di Internet, si è ugualmente diffuso anche il bullismo virtuale, o cyberbullismo. Secondo alcune stime, ne è vittima almeno il 10 per cento degli adolescenti, e la cosa peggiore è che la vittima non ha un momento per sfuggire ai propri molestatori, che la perseguitano anche di sera o nel fine settimana.

Le molestie possono verificarsi continuamente via SMS, Facebook o altri siti, e le informazioni si spargono velocemente. Una volta postati, i messaggi insultanti potrebbero non essere cancellabili, e potrebbe essere assai difficile identificarne l’autore in maniera inequivocabile.

Secondo gli psicologi, è importante capire gli effetti che il bullismo adolescenziale può avere sugli adulti, rendendosi conto che quando si esce dalla scuola non si lasciano alle spalle tutti i problemi, ma alcuni di essi ci restano dentro, e manifestano i loro effetti ad anni di distanza ed in qualsiasi aspetto della nostra vita.

Per proteggere i propri figli da atti di bullismo e salvaguardre la loro incolumità, sempre più famiglie si rivolgono alla Endoacustica Europe srl per acquistare microregistratori o microspie da regalare ai propri figli o, il più delle volte, acquistano cellulari spia completi di software per lettura di SMS ed ascolto delle telefonate in modo tale da avere sempre la situazione sotto controllo.

ADS

 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.

 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

 ALLARME ANTI-ANNEGAMENTO E ANTISMARRIMENTO
localizzatore rf

Allarme anti-annegamento e antismarrimento è un sistema di protezione che combina un allarme anti-annegamento ed uno anti-smarrimento, ed è particolarmente efficace come sistema elettronico di sicurezza per proteggere i vostri bambini o animali domestici.

ARTICOLI IN RILIEVO

Cyberstalking e sistemi tecnologici di prevenzione

15 Set 2016

cyber-stalking

Che la tecnologia abbia apportato alle nostre vite notevoli vantaggi è fuori discussione. Spesso però tendiamo a minimizzare i pericoli derivanti dall’utilizzo incauto degli strumenti tecnologici messi a nostra disposizione. Uno dei casi più emblematici in tal senso è quello che concerne lo stalking online, o cyberstalking, ovvero la molestia perpetrata a danno di individui che utilizzano la rete per comunicare tra loro. Anche qui la forma persecutoria assume le …

Stalking citofonico. Un modo tutto nuovo di importunare

10 Set 2015

stalking-woman

È successo qualche giorno fa a Centocelle, alle porte di Roma. Un tizio insiste pigiando più volte sui tasti del citofono, gridando a squarciagola di volere del denaro. Quando si rende conto che la sua richiesta rimarrà ancora una volta inascoltata, strappa via con forza il citofono dal muro aiutandosi con un taglierino. La proprietaria del condominio preso di mira da mesi dallo stalker lo riconosce immediatamente e lo denuncia …

Stalking all’interno dell’azienda, scattano le manette

22 Lug 2014

Per nove volte ha vuotato una bottiglia d’acqua sulla stampante della collega mandandola in tilt. La donna ha poi riferito anche di aver trovato delle croci segnate sulle fotografie dei figli. Per una serie di “dispetti” il cui movente è ancora poco chiaro, un uomo di 65 anni della provincia di Brindisi, dipendente della Provincia, è stato raggiunto da un’ordinanza cautelare con cui si dispone il divieto di avvicinamento alla …

Sei vittima dello stalking? Ecco cosa fare

16 Dic 2013

Il reato di stalking si configura quando qualcuno (spesso, un ex partner) compie una serie di atti (che possono essere minacce o molestie, ma anche atti apparentemente innocui, come l’invio continuo di indesiderati sms, fiori, o biglietti) tanto da compiere violenza psicologica nei confronti della vittima ingenerandole un comprensibile stato di ansia e paura oppure costringendola a cambiare abitudini personali (sostituire utenza telefonica, cambiare residenza, ecc.) o ancora ingenerandole un fondato timore per la propria …

Il team che rapisce le ragazzine adescandole su Facebook

31 Ott 2013

Una macchina organizzativa ben strutturata ha portato al rapimento di una tredicenne bresciana, portata fino a Lugano da un adulto conosciuto via Facebook e affetto da turbe sessuali. All’inquietante piano hanno preso parte più persone, un gruppo organizzatosi per agganciare giovanissime prede attraverso i social network. L’episodio ha avuto inizio a settembre quando la ragazzina, che frequenta la scuola media a Isorella, a sud di Brescia, ha allacciato un’amicizia attraverso …

358 telefonate e 500 sms in un mese: l’amante diventa stalker

16 Set 2013

Dodici anni da amanti, tra incontri segreti e bugie. Poi la fiamma dell’amore si è spenta, almeno per lei, che ha deciso di troncare la relazione. Un duro colpo per lui, che non si è rassegnato dinanzi alla decisione. Ma riconquistarla si è rivelato impossibile. Così è scattata la presa di posizione: «O con me o con nessuno». La delusione si è già trasformata in ossessione: in un mese 539 …

Allarme stalking all’interno dei condomini

30 Mag 2013

Liti condominiali per volumi troppo alti, pulizie, sacchetti di immondizia nel pianerottolo o gestione degli spazi comuni sono all’ordine del giorno in quasi tutti i condomini. Pare che negli ultimi tempi siamo numerosi i casi in cui la tensione tra vicini sfocia in veri e propri episodi di stalking. L’allarme è stato lanciato dall’associazione degli amministratori di immobili, che ovviamente consiglia alle vittime di rivolgersi in primo luogo all’amministratore di …

Due persone in pochi giorni sfigurate con l’acido dagli ex

3 Mag 2013

Le storie d’amore finite male possono divenire davvero pericolose e spesso sono fonte di atti di stalking e persecuzioni che sfociano in vere e proprie violenze. Ne sono esempio due tragedie avvenute di recente. La prima riguarda un’avvocatessa di 35 anni, Lucia Annibali, aggredita nei pressi della sua casa, a Pesaro, da un uomo con il volto coperto che le ha gettato sul viso dell’acido. La donna ha aperto il portone …