Molestata dall’ex-fidanzata del marito: la terribile testimonianza di una donna vittima di stalking

Molestata dall’ex-fidanzata del marito: la terribile testimonianza di una donna vittima di stalking

Oggi approfondiamo la toccante testimonianza in prima persona di una donna che non ha colpe, se non quella di essersi sposata con un uomo ancora amato dall’ex-fidanzata.

Mi chiamo Anna. Ho subito minacce di morte diretta rivolte anche verso i miei figli. “Finirai all’obitorio” è quello che mi sono sentita spesso dire da lei. Per non parlare delle centinaia di telefonate moleste, male parole, insulti personali, cattiverie di ogni sorta. O magari lunghi attimi di silenzio in cui monta la paura, che terminano in un riaggancio della cornetta.

Non c’era verso di farla smettere, ogni giorno mi raggiungeva e mi diceva almeno “guardati le spalle”. Questa storia va avanti dal giorno in cui lei ha scoperto che io e mio marito ci eravamo  sposati. Prima ha cominciato con le chiamate, poi ha rubato la mia macchina e ha cominciato ad impadronirsi della mia posta. Non contenta, ha cercato di farmi indagare per frode postale, ha cominciato a pedinarmi… conosce tutti i luoghi che frequento, i miei orari, i miei spostamenti ed ho la sensazione che abbia anche impiantato delle microspie nella mia nuova auto.

Per alimentare la sua fame di vendetta si è fatta avanti con il mio ex marito, con il quale ho un bambino. Ha cominciato ad andarci a letto e lo ha convinto a trasferirsi da lei. A questo punto ha cominciato a chiamarmi per dirmi tutto, era insopportabile.

Sono stata così costretta a cambiare la mia vita drasticamente. Ho trovato un lavoro in un edificio impenetrabile, ho cambiato il mio numero di telefono, messo ogni tipo di blocco alle chiamate, sfruttando ogni tipo di tecnologia di identificazione possibile sul mio cellulare, e l’ultima volta che ho cambiato il mio numero, lei lo ha ottenuto nel giro di un’ora chiamando la compagnia telefonica.

Così adesso ho due numeri telefonici separati, ciascuno con una suoneria differenziata, uno solo per amici intimi e familiari. Sto anche pensando di acquistare una pistola per proteggermi, anche sono sempre stata contro l’uso delle armi e vorrei che i miei figli imparassero la cultura della non-violenza.

Ho denunciato più volte quella donna, ma la polizia non ha fatto molto: lei è stata arrestata per due volte per violazione di domicilio, ma i procuratori hanno fatto cadere le accuse per l’incongruenza di aspetti tecnici.

Ho quasi rinunciato all’idea di una vita tranquilla. Io vivo con il pensiero che passerò il resto della mia vita nella paura di questa donna. Ma ciò che mi fa davvero paura è la sicurezza dei miei figli. Lei  ha cercato di prendere mia figlia a scuola, e quando è nato mio figlio, ha chiamato l’ospedale cercando di scoprire in quale stanza ero. Quando ha scoperto che ero incinta nuovamente, ha detto che stava per venire a “tirare il bastardo” fuori di me. Nessuno dovrebbe essere sottoposto a questo tipo di inferno emotivo.

Ancora oggi ho paura ogni giorno. Lei mi ha detto, così come molte altre persone, che il suo obiettivo principale è quello di farmi impazzire. Non permetterò che questo accada. Ho grandi amici, un marito affettuoso, due bellissimi bambini, un grande lavoro. Essere una vittima stalking è il problema principale nella mia vita. Non permetterò che questa donna mi distrugga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.