Dagli adolescenti di Twitter “No al cyber bullismo”

Dagli adolescenti di Twitter “No al cyber bullismo”

Twitter è uno dei mezzi preferiti dagli adolescenti che utilizzano il social network per condividere pensieri, tendenze, immagini, ma anche problematiche comuni. Solitamente i primi posti nella lista dei trending topic (le parole più condivise sul portale) sono spesso occupati da nomi di cantanti o calciatori. Qualche giorno fa, qualcosa di inaspettato: in cima alla lista online è finito #noalcyberbullismo. Un’iniziativa concreta, un grido di aiuto da parte di due adolescenti che hanno dato libero sfogo alla difficoltà di molti altri. In tutto il mondo, i ragazzini hanno mostrato interesse di fronte alla vicenda di Amanda Todd, la 15enne canadese che ha annunciato il suo suicidio con un video in cui ha raccontato, attraverso dei cartelli, la sua storia di vittima di molestie tramite web.

Da questo episodio è nata una petizione online per chiedere a gran voce al governo italiano una legge contro il bullismo digitale. Molti dei ragazzini coinvolti nella petizione sembrano aver toccato con mano una esperienza di cyberbullismo. “Ogni giorno leggo insulti, chi mi augura la morte, chi mi sfotte”, “Qualunque cosa faccio, vengo comunque criticato”. I promotori dell’iniziativa in Italia sarebbero “Riccardho”, un ragazzo sardo e “Morwen” una ragazza pugliese.

A loro si sono affiancati, in breve tempo, circa 28mila follower che hanno accolto con grande entusiasmo l’iniziativa. Non solo cantanti e calciatori dunque, ma anche serie problematiche sociali affrontate dagli adolescenti, gli stessi che spesso sono i fautori di azioni di cyberbullismo. Sempre più genitori acquistano dispositivi per il controllo dei pc utilizzati dai loro figli. Non è una reazione per mancanza di fiducia, ma un modo per dimostrare un reale interesse per la loro vita e per salvaguardarli dai chi vuole far di loro uno strumento dei suoi giochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.