Tentato rapimento di un bambino in spiaggia

Tentato rapimento di un bambino in spiaggia

Una notizia molto inquietante circola in questi giorni sulle spiagge italiane. Un gruppetto di uomini, pare di origine indiana, ha tentato di rapire un bambino di pochi anni nelle vicinanze di una spiaggia del litorale a nord di Brindisi. I malintenzionati hanno agito in pieno giorno e solo grazie all’attenzione di un signore non sono riusciti a portare a termine il rapimento. Dopo aver lasciato l’auto sul ciglio della strada, pronta per la fuga, uno di loro ha atteso che qualche bambino si avvicinasse. Individuata la vittima, l’uomo ha attirato la sua attenzione e, con una scusa, lo ha invitato a seguirlo. Il bambino è caduto in trappola, mosso dalla tipica curiosità infantile. A questo punto, però, a rovinare i piani dei malintenzionati ci ha pensato un signore che, per fortuna, si è accorto di quello strano “movimento” e, avvicinandosi al bambino, ha messo in fuga il gruppetto.



Un incubo che ha turbato una tranquilla giornata di mare. Episodio purtroppo non isolato. Una disavventura simile capitò quattro anni fa ad un ragazzo di 11 anni, oggetto di “attenzioni” di due uomini che cercarono di farlo salire con la forza in auto, ma dovettero desistere di fronte alla sua reazione. Due anni prima, un altro ragazzino di 11 anni denunciò un tentativo di rapimento da parte di due zingari tra le bancarelle del mercato.



Fortunatamente molti pericolosi “allontanamenti” sono stati frenati grazie all’ausilio di strumenti come i braccialetti anti smarrimento. Si tratta di simpatici bracciali che il bambino indossa comodamente durante le sue giornate in spiaggia, in gita, al parco o in qualsiasi ambiente. Impostando una distanza limite, il bracciale allarma l’unità base, custodita da un genitore o da un supervisore, quando il bambino si allontana oltre la distanza predefinita. Lo stesso dispositivo funziona anche da allarme anti annegamento, segnala cioè quando il bambino è immerso in acqua oltre una data profondità. Molti lidi si sono attrezzati per fornire questo importante servizio ai bagnanti, altri genitori più avveduti si sono equipaggiati autonomamente acquistando il prodotto direttamente dal sito www.endoacustica.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.