Home » Tradimenti Coniugali » Stai Leggendo:

L’effetto dell’infedeltà su tutta la famiglia

giugno 5, 2011 Tradimenti Coniugali Nessun Commento

Il tradimento ha conseguenze per tutte le persone coinvolte. Se un padre tradisce la moglie, anche i figli ne pagano le conseguenze, come si può vedere nella storia di seguito, nella quale il tradimento di un padre ha distrutto una famiglia, con gravi conseguenze anche per il loro figlio. I nomi, ovviamente, sono di fantasia.

Luisa, una madre di famiglia romana, cominciò ad avere dei dubbi quando Roberto, il loro figlio di 8 anni, corse da lei urlando dicendole che il marito stava guardando foto di donne nude su Internet. Ovviamente, per quando lei entrò nella stanza del computer, il marito stava guardando tutt’altro.

Tuttavia, quando Martino uscì per andare a lavorare nel suo turno di notte, Luisa diede un’occhiata al computer e, con suo grande stupore, scoprì che il marito aveva visitato svariati siti pornografici, agenzie di escort online ed anche siti di incontri, e che sul suo computer c’erano intere cartelle piene di fotografie erotiche ed anche pornografiche.

Inoltre, esaminando il contenuto dei messaggi in chat e via email, era chiaro che con alcune delle donne con cui Martino aveva avuto dei contatti online, c’erano anche stati degli incontri dal vivo, durante la giornata, mentre Luisa era al lavoro.

A questo punto Luisa decise di rivolgersi alla Endoacustica, azienda specializzata nello spionaggio ed in prodotti di video sorveglianza, ed acquistò un cellulare spia. Dopo averlo regalato al marito, Luisa riuscì a scoprire numeri di telefono, dettagli di luoghi e date di incontri, conversazioni a sfondo sessuale che comprendevano anche una descrizione di atti sessuali compiuti insieme. Luisa ne fu comprensibilmente sconvolta.

Mentre era seduta di fronte al computer, cominciò a rendersi conto che questo poteva essere il vero motivo per lo strano comportamento di suo marito negli ultimi mesi. Secondo Luisa, infatti, Martino appariva distaccato, e si comportava con lei in maniera diversa, facendo cose che non facevano parte del suo carattere.
Improvvisamente, era molto critico con lei o verso le cose che lei faceva. Era irritabile e lunatico, e cominciava a rifiutare di fare cose, o di andare in qualche luogo, che di solito amava fare o visitare.

Luisa tenne traccia di una serie di strani numeri apparsi nel telefono cellulare, e rivolgendosi alla Endoacustica, chiese i tabulati telefonici e riuscìcosì a risalire ai nomi e agli indirizzi di tre numeri di telefono che Martino aveva chiamato frequentemente. A quel punto prese a guidare spesso nelle zone corrispondenti a quegli indirizzi, senza sapere realmente cosa stesse cercando.

Un giorno però, mentre passava di fronte a uno degli indirizzi in questione, vide l’auto di suo marito parcheggiata lì di fronte, e decise di passare all’azione. Ecco come lei stessa descrive la situazione:

“Parcheggiai la mia macchina dietro la sua, e lo chiamai sul cellulare, a cui rispose una donna. Le dissi chi ero, e le dissi di chiedere a mio marito di uscire fuori, visto che mi trovavo proprio di fronte. Martino uscì con una espressione di sorpresa mista a colpa, e provò a darmi qualche incomprensibile scusa riguardo alla sua presenza in quel luogo”.

“Non so cosa avrebbe detto alla donna che ora era sulla porta dietro di lui, a proposito della mia presenza, e non mi interessava aspettare per saperlo. Guidai verso casa in lacrime, avevo già visto e sentito abbastanza”.

Nei mesi successivi, Luisa iniziò a soffrire di mal di testa frequenti, insonnia, incubi, perdita di appetito e stress post-traumatico. Il suo mondo si era completamente capovolto in un attimo.

Un giorno, nel tentativo di analizzare le cause dell’infedeltà di suo marito, un’infedeltà che lei era convinta che continuasse ancora, provò a fare alcune domande a Martino. Per tutta risposta, suo marito ebbe uno scoppio di violenza, afferrandola con forza e strappandole la camicia. Si fermò giusto un attimo prima di colpirla, e Luisa si rese conto che lui si stava trattenendo, forse perché, visto che era istruttore e tripla cintura nera di arti marziali, sapeva quali sarebbero state le conseguenze.
O forse, si fermò perché in quel momento arrivò il figlio Roberto, che piangendo implorò il padre di non fare del male alla mamma. Martino la lasciò andare, uscì di casa salendo sulla sua auto e se ne andò.

Luisa e Roberto erano terrorizzati, Martino non si era mai comportato così prima. Preoccupata per l’incolumità’ propria e del figlio, e non sapendo cosa potesse aspettarsi da Martino a quel punto, non aveva altra scelta se non quella di rivolgersi alla polizia. Disse di essere devastata, e completamente impreparata a questo genere di eventi: “La cosa mi colpì duramente, perché avevo sempre cercato di essere la miglior moglie possibile e pensavo che il nostro fosse un matrimonio felice, ma la parte peggiore fu l’effetto che la cosa ebbe su nostro figlio”.

Infatti Roberto, ora adolescente, anche a distanza di anni ancora soffre degli effetti causati dal tradimento di suo padre nei confronti di sua madre. La madre, che lo ha posto in cura presso un analista, dice che ha spesso attacchi di rabbia, si sente abbandonato, non si fida dei genitori verso i quali cova risentimenti, e molto altro ancora.

Il fattore Internet

L’infedeltà’ di Martino è stata, almeno in parte, causata dalle nuove tecnologie e dalla facilità di accesso alla pornografia via Internet. Dai siti pornografici alle agenzie di escort, fino ai siti in cui si possono trovare dei partner per incontri sessuali casuali, il passo è stato breve.

Quello che per Martino era un nuovo hobby, ha portato alla dissoluzione della sua famiglia e del suo matrimonio. Analizzando gli eventi in retrospettiva, infatti, Luisa dice che quello che Martino ha potuto vedere su Internet ha probabilmente stimolato la sua curiosità, fino al punto di vedere se là fuori ci fosse qualcosa di più interessante, o semplicemente di più eccitante, di quello che potesse trovare tra le mura di casa. Il lavoro notturno, con molto tempo libero a disposizione durante l’assenza di sua moglie, ha fatto il resto.

Fine della storia

Poco tempo dopo la separazione da Luisa, Martino fu licenziato dal lavoro, e cominciò a bere e a fare uso di droghe. La sua amante, con cui nel frattempo era andato a vivere, e alla quale aveva comprato una Mercedes nuova fiammante, gli prosciugò il conto in banca e poi lo cacciò via di casa.

Povero, alcolizzato e drogato, Martino non era in grado di trovare lavoro. Roberto aggiornava costantemente la madre, sia pure con riluttanza, sulla situazione e sullo stato del padre, finché le visite di quest’ultimo si interruppero bruscamente, l’assegno di mantenimento per il figlio smise di arrivare e Luisa fu costretta a trasferire il figlio da una scuola privata, che non poteva più permettersi, ad una pubblica.

I risultati di Roberto a scuola cominciarono a peggiorare, così come lo stato d’animo del ragazzi, che comunicava sempre di meno col mondo esterno ed era sempre arrabbiato.

Una sera, infine, la polizia venne a casa di Luisa, alla ricerca di Martino che non si era presentato ad un’udienza in tribunale, per un processo per possesso di droga. Quando finalmente lo rintracciarono, il poliziotto chiese a Martino come fosse possibile che un uomo con la posizione sociale che lui aveva in precedenza potesse fare una fine del genere.

Tutto quello che Martino riuscì a dire fu “la colpa è della mia infedeltà, tradire mia moglie è stato il più grande errore della mia vita”.

Commenti Articolo:







Calendario

marzo: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Login

ADS

 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).

 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

 ALLARME ANTI-ANNEGAMENTO E ANTISMARRIMENTO
localizzatore rf

Allarme anti-annegamento e antismarrimento è un sistema di protezione che combina un allarme anti-annegamento ed uno anti-smarrimento, ed è particolarmente efficace come sistema elettronico di sicurezza per proteggere i vostri bambini o animali domestici.

ARTICOLI IN RILIEVO

Cyberstalking e sistemi tecnologici di prevenzione

15 Set 2016

cyber-stalking

Che la tecnologia abbia apportato alle nostre vite notevoli vantaggi è fuori discussione. Spesso però tendiamo a minimizzare i pericoli derivanti dall’utilizzo incauto degli strumenti tecnologici messi a nostra disposizione. Uno dei casi più emblematici in tal senso è quello che concerne lo stalking online, o cyberstalking, ovvero la molestia perpetrata a danno di individui che utilizzano la rete per comunicare tra loro. Anche qui la forma persecutoria assume le …

Stalking citofonico. Un modo tutto nuovo di importunare

10 Set 2015

stalking-woman

È successo qualche giorno fa a Centocelle, alle porte di Roma. Un tizio insiste pigiando più volte sui tasti del citofono, gridando a squarciagola di volere del denaro. Quando si rende conto che la sua richiesta rimarrà ancora una volta inascoltata, strappa via con forza il citofono dal muro aiutandosi con un taglierino. La proprietaria del condominio preso di mira da mesi dallo stalker lo riconosce immediatamente e lo denuncia …

Stalking all’interno dell’azienda, scattano le manette

22 Lug 2014

Per nove volte ha vuotato una bottiglia d’acqua sulla stampante della collega mandandola in tilt. La donna ha poi riferito anche di aver trovato delle croci segnate sulle fotografie dei figli. Per una serie di “dispetti” il cui movente è ancora poco chiaro, un uomo di 65 anni della provincia di Brindisi, dipendente della Provincia, è stato raggiunto da un’ordinanza cautelare con cui si dispone il divieto di avvicinamento alla …

Sei vittima dello stalking? Ecco cosa fare

16 Dic 2013

Il reato di stalking si configura quando qualcuno (spesso, un ex partner) compie una serie di atti (che possono essere minacce o molestie, ma anche atti apparentemente innocui, come l’invio continuo di indesiderati sms, fiori, o biglietti) tanto da compiere violenza psicologica nei confronti della vittima ingenerandole un comprensibile stato di ansia e paura oppure costringendola a cambiare abitudini personali (sostituire utenza telefonica, cambiare residenza, ecc.) o ancora ingenerandole un fondato timore per la propria …

Il team che rapisce le ragazzine adescandole su Facebook

31 Ott 2013

Una macchina organizzativa ben strutturata ha portato al rapimento di una tredicenne bresciana, portata fino a Lugano da un adulto conosciuto via Facebook e affetto da turbe sessuali. All’inquietante piano hanno preso parte più persone, un gruppo organizzatosi per agganciare giovanissime prede attraverso i social network. L’episodio ha avuto inizio a settembre quando la ragazzina, che frequenta la scuola media a Isorella, a sud di Brescia, ha allacciato un’amicizia attraverso …

358 telefonate e 500 sms in un mese: l’amante diventa stalker

16 Set 2013

Dodici anni da amanti, tra incontri segreti e bugie. Poi la fiamma dell’amore si è spenta, almeno per lei, che ha deciso di troncare la relazione. Un duro colpo per lui, che non si è rassegnato dinanzi alla decisione. Ma riconquistarla si è rivelato impossibile. Così è scattata la presa di posizione: «O con me o con nessuno». La delusione si è già trasformata in ossessione: in un mese 539 …

Allarme stalking all’interno dei condomini

30 Mag 2013

Liti condominiali per volumi troppo alti, pulizie, sacchetti di immondizia nel pianerottolo o gestione degli spazi comuni sono all’ordine del giorno in quasi tutti i condomini. Pare che negli ultimi tempi siamo numerosi i casi in cui la tensione tra vicini sfocia in veri e propri episodi di stalking. L’allarme è stato lanciato dall’associazione degli amministratori di immobili, che ovviamente consiglia alle vittime di rivolgersi in primo luogo all’amministratore di …

Due persone in pochi giorni sfigurate con l’acido dagli ex

3 Mag 2013

Le storie d’amore finite male possono divenire davvero pericolose e spesso sono fonte di atti di stalking e persecuzioni che sfociano in vere e proprie violenze. Ne sono esempio due tragedie avvenute di recente. La prima riguarda un’avvocatessa di 35 anni, Lucia Annibali, aggredita nei pressi della sua casa, a Pesaro, da un uomo con il volto coperto che le ha gettato sul viso dell’acido. La donna ha aperto il portone …

Shares