Home » Stalking » Stai Leggendo:

Stalking: La storia di Alex – Parte I

aprile 19, 2011 Stalking Nessun Commento

Ho trovato questa storia su Internet, ed ho deciso di condividerla perché è raccontata dal punto di vista della vittima, e dimostra come la legge prenda spesso sottogamba le storie di stalking, la polizia spesso non le affronta con l’impegno necessario, e come sarebbe necessaria una legislazione più restrittiva.
Questo cambiamento è necessario per tutti coloro che ci hanno rimesso la vita o che potrebbero presto morire di stalking. Cambiare la legge potrebbe aiutare a salvare molte vite, e molte se ne sarebbero potute già salvare.

Nel mio primo caso di stalking, la polizia mi disse apertamente che un divieto di contattarmi, emesso nei confronti del molestatore, non valeva la carta su cui era scritto (forse per questo non ne emisero uno). Il secondo molestatore passava spesso sotto casa mia per molestarmi, e nemmeno l’ordine della polizia gli impedì di chiamarmi continuamente in ufficio, con una frequenza tale che dovetti lasciare il lavoro.

Sfortunatamente, il mio capo era giovane e non in grado di gestire una situazione del genere, e spesso la gente si chiede “Cosa mai avrà fatto di male a quell’uomo, per fargli fare quello che sta facendo?”. Questo succede ancora in molti luoghi di lavoro, tra i conoscenti ed anche da parte delle forze dell’ordine: molti pensano che la colpa delle molestia risieda, alla fin fine, nella persona molestata che deve aver fatto qualcosa di male per far infuriare il molestatore. Insomma, la colpa poteva benissimo essere mia.

La seconda volta che mi rivolsi alle forze dell’ordine, infatti, non mi presero molto sul serio, vista la mia esperienza precedente con David, il mio primo stalker. David fece tutto quanto era in suo potere per farmi arrestare per minacce, molestie ed altro ancora, quando in effetti era lui a molestarmi.
Passava sotto casa mia fino a 6 o 7 volte al giorno, minacciava di uccidere o torturare i miei genitori o me, tagliava le gomme della mia auto, ed altro ancora. Non appena faceva qualcosa a me, correva alla polizia a dire che ero stata io a farlo a lui.

Molti stalkers fanno proprio così. Vi seguono, vi molestano, vi minacciano e poi… vanno alla polizia a dire che voi, la vittima, state facendo questo a lui. Il mio molestatore era stato molto convincente, un ottimo attore. Fece credere alla polizia che temeva per la propria vita.
A seguito di questo, un ispettore mi chiamò per interrogarmi, e fui trattata come se la criminale fossi io.
Gli spiegai che perfino mia madre era stata testimone di una serie di comportamenti molesti, e si convinsero che le accuse nei miei confronti non erano fondate, ma comunque non presero il tutto troppo sul serio, come avrebbero dovuto.

Tutto cambiò quando David decise addirittura di denunciarmi perché non gli rispondevo al telefono. Ebbene sì, disse proprio così, e non pensavo minimamente che una denuncia del genere potesse essere realmente sporta, ma mi accorsi sulla mia pelle che questo era veramente possibile.
A quel punto, decisi finalmente di avvalermi dei servizi di un avvocato criminale, che in breve tempo fece per me molto più di quanto io stessa pensavo che fosse possibile in casi del genere.

Il mio avvocato mi disse che era meglio che mi trasferissi al di fuori dello Stato, cosa che fortunatamente era nelle mie possibilità. Dopo un anno, pensando che fosse passato abbastanza tempo, tornai per visitare i miei familiari. Non appena tornai, mi fece arrestare di nuovo, dicendo che ero andata a casa sua a minacciarlo, nonostante mi trovassi a circa 1000 chilometri di distanza. Questo non importava, dovevo andare di nuovo in tribunale e pertanto, consultai di nuovo lo stesso avvocato.

Quando mi recai al tribunale per parlare con il giudice, fui informata che il processo avrebbe riguardato il reato di stalking. Questa per me fu la prima volta che sentii parlare di tale reato, che non sapevo nemmeno che esistesse. Non sapevo cosa fosse e, prima dell’avvento di Internet, non avevo nemmeno idea che ci fosse una definizione di reato per gli atti che lui stava commettendo. Non avevo idea che per questo tipo di comportamento si potesse addirittura finire in galera, pensavo che fosse una cosa a cui le donne dovevano semplicemente adattarsi se una relazione finiva male.
Mi sbagliavo, lui stava commettendo un reato, e tale reato si chiamava stalking. Potevo ritenermi fortunata che lui non avesse portato a compimento le sue minacce, ma anche dopo tutto quello che era successo, la polizia non aveva emesso nessun ordine nei suoi confronti. A quei tempi, forse non sapevano ancora bene come trattare questo genere di comportamenti.

Fortunatamente, il mio molestatore mi lasciò più o meno in pace dopo essere andati in tribunale. Quando dico “più o meno, intendo dire che non mi chiamò più, passando vicino casa mia forse una o due volte. Invece di contattarmi, si metteva in attesa lungo la strada che porta a casa mia, e se uscivo con qualcuno, lo seguiva e minacciava.

Come potete facilmente immaginare, nessun uomo usciva con me più di una volta… In un caso, si spinse addirittura a minacciare i figli e l’anziana madre di uno degli uomini con cui uscii.
Ovviamente, nessuno vuole cacciarsi in un guaio del genere per paura di poter diventare un potenziale bersaglio, come si può capire facendo un semplice giro su Internet: è pieno di storie di uomini o donne che diventano oggetto di molestie quando entrano a far parte della vita di un’altra persona soggetta a stalking. Il mondo è pieno di soggetti del genere, e nessuno vuole cacciarsi nei guai a causa loro. Per capire preventivamente il comportamento di una persona bisognerebbe installare delle microspie a livello ambientale che certamente potrebbero rivelare dettagli importanti, altrimenti non facilmente intuibili.

Commenti Articolo:







Calendario

maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Login

ADS

 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).

 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

 ALLARME ANTI-ANNEGAMENTO E ANTISMARRIMENTO
localizzatore rf

Allarme anti-annegamento e antismarrimento è un sistema di protezione che combina un allarme anti-annegamento ed uno anti-smarrimento, ed è particolarmente efficace come sistema elettronico di sicurezza per proteggere i vostri bambini o animali domestici.

ARTICOLI IN RILIEVO

Cyberstalking e sistemi tecnologici di prevenzione

15 Set 2016

cyber-stalking

Che la tecnologia abbia apportato alle nostre vite notevoli vantaggi è fuori discussione. Spesso però tendiamo a minimizzare i pericoli derivanti dall’utilizzo incauto degli strumenti tecnologici messi a nostra disposizione. Uno dei casi più emblematici in tal senso è quello che concerne lo stalking online, o cyberstalking, ovvero la molestia perpetrata a danno di individui che utilizzano la rete per comunicare tra loro. Anche qui la forma persecutoria assume le …

Stalking citofonico. Un modo tutto nuovo di importunare

10 Set 2015

stalking-woman

È successo qualche giorno fa a Centocelle, alle porte di Roma. Un tizio insiste pigiando più volte sui tasti del citofono, gridando a squarciagola di volere del denaro. Quando si rende conto che la sua richiesta rimarrà ancora una volta inascoltata, strappa via con forza il citofono dal muro aiutandosi con un taglierino. La proprietaria del condominio preso di mira da mesi dallo stalker lo riconosce immediatamente e lo denuncia …

Stalking all’interno dell’azienda, scattano le manette

22 Lug 2014

Per nove volte ha vuotato una bottiglia d’acqua sulla stampante della collega mandandola in tilt. La donna ha poi riferito anche di aver trovato delle croci segnate sulle fotografie dei figli. Per una serie di “dispetti” il cui movente è ancora poco chiaro, un uomo di 65 anni della provincia di Brindisi, dipendente della Provincia, è stato raggiunto da un’ordinanza cautelare con cui si dispone il divieto di avvicinamento alla …

Sei vittima dello stalking? Ecco cosa fare

16 Dic 2013

Il reato di stalking si configura quando qualcuno (spesso, un ex partner) compie una serie di atti (che possono essere minacce o molestie, ma anche atti apparentemente innocui, come l’invio continuo di indesiderati sms, fiori, o biglietti) tanto da compiere violenza psicologica nei confronti della vittima ingenerandole un comprensibile stato di ansia e paura oppure costringendola a cambiare abitudini personali (sostituire utenza telefonica, cambiare residenza, ecc.) o ancora ingenerandole un fondato timore per la propria …

Il team che rapisce le ragazzine adescandole su Facebook

31 Ott 2013

Una macchina organizzativa ben strutturata ha portato al rapimento di una tredicenne bresciana, portata fino a Lugano da un adulto conosciuto via Facebook e affetto da turbe sessuali. All’inquietante piano hanno preso parte più persone, un gruppo organizzatosi per agganciare giovanissime prede attraverso i social network. L’episodio ha avuto inizio a settembre quando la ragazzina, che frequenta la scuola media a Isorella, a sud di Brescia, ha allacciato un’amicizia attraverso …

358 telefonate e 500 sms in un mese: l’amante diventa stalker

16 Set 2013

Dodici anni da amanti, tra incontri segreti e bugie. Poi la fiamma dell’amore si è spenta, almeno per lei, che ha deciso di troncare la relazione. Un duro colpo per lui, che non si è rassegnato dinanzi alla decisione. Ma riconquistarla si è rivelato impossibile. Così è scattata la presa di posizione: «O con me o con nessuno». La delusione si è già trasformata in ossessione: in un mese 539 …

Allarme stalking all’interno dei condomini

30 Mag 2013

Liti condominiali per volumi troppo alti, pulizie, sacchetti di immondizia nel pianerottolo o gestione degli spazi comuni sono all’ordine del giorno in quasi tutti i condomini. Pare che negli ultimi tempi siamo numerosi i casi in cui la tensione tra vicini sfocia in veri e propri episodi di stalking. L’allarme è stato lanciato dall’associazione degli amministratori di immobili, che ovviamente consiglia alle vittime di rivolgersi in primo luogo all’amministratore di …

Due persone in pochi giorni sfigurate con l’acido dagli ex

3 Mag 2013

Le storie d’amore finite male possono divenire davvero pericolose e spesso sono fonte di atti di stalking e persecuzioni che sfociano in vere e proprie violenze. Ne sono esempio due tragedie avvenute di recente. La prima riguarda un’avvocatessa di 35 anni, Lucia Annibali, aggredita nei pressi della sua casa, a Pesaro, da un uomo con il volto coperto che le ha gettato sul viso dell’acido. La donna ha aperto il portone …

Shares